giovedì 28 maggio 2015

Treno vs aereo

Stasera, a due passi da casa mia, salirò su un treno, sul quale potrò portare tutto il bagaglio che mi pare, e dove dormirò su un letto comodamente cullato dal tututtutù del vagone, e prima di dormire leggerò, proprio come faccio quando dormo a casa mia, e domani mattina mi sveglierò al centro di Roma, pronto a fare quello che devo fare, e in tutto avrò perso pochissimo tempo, forse mezz'ora, a fare qualcosa che non avrei fatto restando a casa. L'alternativa sarebbe stata questa: svegliarsi domani all'alba; andare in autobus -- dopo avere affrontato la bigliettaia antipatica -- fino all'aeroporto; lì togliersi la cintura e le scarpe e passare, tenendosi i pantaloni, dal metaldetector, senza potere portare dei liquidi, e rispettando determinati peso e forma del bagaglio; fare la fila al gate con tante persone che si atteggiano a manager d'azienda e rockstar con i loro sguardi annoiati; atterrare, probabilmente in ritardo, lontanissimo dalla città; prendere un costosissimo mezzo per raggiungere il centro. Tutto questo perdendo cinque ore almeno di tempo che avrei sicuramente impiegato in un altro modo. Eppure: "ma come! Vai a Roma in treno? Con tutti gli aerei che ci sono?" Che sono cose con le quali ormai ho imparato a convivere, un po' come la storia del frigo, "ma come fai" dicono "a vivere senza frigo?", "eh" rispondo io di solito, "come fai tu a vivere col frigo." C'entra con la faccenda dell'aereo e del treno? Secondo me sì.

(Ah, comunque avevo cominciato questo discorso per dire che parto per un tour di presentazioni di Bastaddi, ecco le date:

-- Sabato 30 maggio a Roma, dalle 19:00 in poi: presso la libreria Altroquando (via del Governo Vecchio), in occasione della "Quentin night". Prima e dopo la presentazione, musica live della Tarantino tribute band. Clic.

-- Martedì 2 giugno a Ivrea (TO), alle 16:30: ospite del festival "La grande invasione", con Hakan Günday e Claudia Tarolo. Clic.

-- Mercoledì 3 giugno a Bologna, alle 21:00: presso la libreria MODO Infoshop, con Massimiliano Colletti di Radio Città del Capo. Clic.

-- Giovedì 4 giugno a Vigevano (PV), alle 21:00: presso la libreria Le notti bianche, con l'autrice Alessandra De Vizzi. Clic.

-- Venerdì 5 giugno a Verona, alle 18:30: presso la libreria Pagina dodici, con il giornalista Beppe Muraro. Clic.

)

mercoledì 27 maggio 2015

martedì 26 maggio 2015

Blogger

Tre romanzi (cinque, se contiamo anche quelli elettronici), più altri due libri di carta (un racconto lungo e una raccolta di dialoghi), eppure ancora: "Stefano Amato, un blogger siciliano". Che un po' mi fa salire il nervoso come espressione, e un po' mi spinge a chiedermi: ma se uno che scrive dei libri ha un blog, automaticamente diventa un blogger che scrive dei libri? Come si fa a diventare uno scrittore che ha anche un blog? Quanti libri deve scrivere uno? -- mi chiedevo stamattina bevendo il caffè.

lunedì 25 maggio 2015

Io son sempre in compagnia

Ho sentito dire di un uomo perduto nei boschi e morto di fame e di fatica ai piedi d'un albero, la cui solitudine fu alleviata dalle visioni grottesche -- dovute alla debolezza fisica -- con cui la sua immaginazione malata lo circondava e che lui credeva vere. Allo stesso modo, grazie alla forza e alla salute del corpo e della mente possiamo essere ricreati di continuo da una compagnia simile, ma più normale e naturale, e così convincerci che non siamo mai soli. Io son sempre in compagnia, nella mia casa, soprattutto le mattine in cui nessuno viene a trovarmi.



[Henry David Thoreau, Walden ovvero Vita nei boschi, traduzione di Luca Lamberti, Torino, Einaudi 2015, p. 125]