sabato 1 agosto 2015

Di servizio

E siccome, ripeto, non ho più internet a casa, che è una cosa bellissima, ripeto, perché internet sarà pure utile ma si porta dietro un sacco di chiasso, e io, se proprio devo dirlo, al chiasso preferisco il silenzio, siccome non ho più internet a casa, dicevo, gli aggiornamenti di questo sito li devo programmare giorni prima dalla libreria dove lavoro dodici ore a settimana. Per esempio queste righe le sto scrivendo a casa alle 15:25 del 28 luglio, non so quando appariranno qui, lo deciderò oggi pomeriggio in libreria, probabilmente sabato. Niente, volevo dire solo questo, si consideri un aggiornamento di servizio.

venerdì 31 luglio 2015

Munro

E un altro giorno ancora in libreria ho preso un libro di Alice Munro, fra i tanti libri che ha scritto, e ho letto un racconto, il primo racconto di Alice Munro che leggevo in vita mia, che s'intitolava Radicali liberi, un bel racconto, l'ho letto tutto. E quella sera a casa non sapevo cosa fare, avevo del tempo da riempire, che è una sensazione bellissima che provo da quando non ricevo più internet a casa, e ho preso un vecchio numero del New Yorker che era buttato lì accanto alla poltrona. L'ho aperto a caso, c'era un racconto di Alice Munro intitolato Free Radicals, cioè Radicali liberi, cioè lo stesso racconto che avevo letto qualche ora prima, e ho pensato che ultimamente mi capitano un sacco di queste coincidenze.

giovedì 30 luglio 2015

Puffi

E l'altro giorno stavo ascoltando la radio mentre lavavo i piatti, a un certo punto ho sentito il tizio del radiogiornale dire che quel giorno si sarebbe svolta una gara di Puffi. Allora ho lasciato perdere i piatti e con le mani che gocciolavano sono corso fino alla radio, Come "una gara di Puffi"?, ho pensato. Ma il tizio subito dopo si è messo a parlare di trampolini e altezze e allora ho capito, Ah, una gara di tuffi, peccato, ho pensato mentre tornavo al lavandino, che dalle mie parti si chiama pila, nota a margine.

mercoledì 29 luglio 2015