lunedì 11 luglio 2005

Nisba

Incassato in una poltrona del soggiorno, passavo il tempo formulando stupidi quiz cinematografici di mia invenzione. Cose del tipo:

Mastroianni : La Dolce Vita = Gassman : x
x =?

Poi, manco a dirlo, mi sono messo a pensare ad una ragazza. Una ragazza che studia una lingua straniera che chiamerò Cacano, ispirandomi alla Cacania, il paese immaginario dove è ambientato L'Uomo Senza Qualità. Questa ragazza, dunque, studia il Cacano, e siccome io so quale spiaggia frequenta in estate, ho pensato che potrei scrivere un graffito in cacano su un muro che c'è da quelle parti. Il cacano però usa un alfabeto diverso dal nostro. Lo chiamerò birillico. Allora sono andato su internet, e ho trovato al primo colpo uno schema esplicativo che confronta il birillico con il nostro alfabeto. In fondo alla pagina, poi, meraviglia delle meraviglie, c'era anche l'inno nazionale della Cacania, con tanto di trascrizione in italiano. Un verso mi ha colpito in modo particolare: "Cacania sei unica". E io ho pensato: per il graffito potrei scrivere il nome della ragazza in birillico seguito dal "sei unica" preso paro paro dall'inno nazionale della Cacania, ed è fatta. Solo che queste cose per farle bene devi essere in vena, e io in questo periodo - be', io in questo periodo nisba. In più per farle più che bene, queste cose, non lo devi dire a nessuno che le fai. Neanche a tuo padre. Figuriamoci scriverlo su un sito internet.

18 commenti:

  1. Cacania, Birillico... se trovo qualcosa scritto nella spiaggia di Peloro o di Collane Bianche, saprò chi è stato.

    e secondo me devi farlo...paro paro come hai detto.
    Vaiiii!!
    :-))

    Missy

    RispondiElimina
  2. Eppoi, nessuno è unico. Anzi, la gente è più o meno tutta abbastanza uguale, specie quando si trova in spiaggia.

    RispondiElimina
  3. Studia anche tu il cacano così quando le parli puoi usare la lingua. Non so se.

    RispondiElimina
  4. Che faccio vado? VADO?
    No, non vado. Non sono in vena, Missy.

    Davide, ti posso assicurare che soprattutto in spiaggia, siamo tutti diversi. Completamente.

    Ennio: ricevuto...

    R4

    RispondiElimina
  5. R4, in spiaggia tutti si sdraiano, parlottano sugli asciugamani, passeggiano sul bagnasciuga, eppoi
    nuotano, e giocano a racchettone, esibendo la loro nefasta e torbida allegria; esibiscono pance e cosce flaccide, mostrandosi insopportabilmente laidi; o - in alternativa alle pance, o cosce, flaccide e cellulitiche - esibiscono fisici asciutti e invidiabili, mostrandosi altresì insopportabilmente fatui. E, ciò che è peggio: esibiscono i loro volti (sempre laidi e/o fatui), insopportabilmente contratti in sorrisi a guisa di paresi facciali, salvo quando solcati da risate sguaiatissime e invero ben aldilà di ogni forma di decenza. Tutti ahimé, in spiaggia, esibiscono: mani, e occhi, e cappellini, e collanine e braccialini (nota: odio in particolar modo quelli sfoggiate alla caviglia da certe ragazze, vale a dire le cosiddette cavigliere, ma ciò è del tutto soggettivo); esibiscono poi tatuaggi, e piercing, e petti nudi, e capelli, o crani rasati; esibiscono radioline, e telefonini, e dentature, e piedi scalzi, e culi grassi o magri: insomma in spiaggia tutti, né più né meno, esibiscono. Più uguali di così, credimi, si muore.

    RispondiElimina
  6. Le ho contate: hai elencato ventiquattro caratteristiche che difficilmente si trovano in un'unica persona. Ventiquattro elevato a due (uomo e donna) fa 576.

    Che palle, stando a quello che dici ci sono solo 576 varianti di persone in spiaggia. Uffa.

    R4

    RispondiElimina
  7. le persone possono essere qualunque dappertutto. ma cosa significa qualunque? ci si può distinguere anche per le proprie patologie psichiatriche, per esempio. un tale una volta è stato sorpreso ad accoppiarsi con lo scalo di un canotto custodito in una cabina dello stabilimento balneare.

    RispondiElimina
  8. Stanotte ho avuto un'idea per te, R4. Vai in spiaggia, siediti accanto a lei, sorridile e poi dille "Ti piace la collana nichel di minimum fax?". Se scappa urlando è la donna per te. Se resta o addirittura dice "sì", buttati in acqua e disperditi tra i flutti.

    RispondiElimina
  9. A me quella collana non dispiace poi tanto. Potrei chiederle invece se le piace il Metal Svedese Anni Ottanta. Lì sì che che andrei sul sicuro.

    Mel, non ho capito bene la storia dello scalmo...

    R4

    RispondiElimina
  10. cazzo,
    abbasso le spiagge,
    evviva gli scogli,
    questo mi vien da dire,
    senza un nesso forte che corrobori il tutto.


    lovelovelovelove

    Ang/Speraben

    RispondiElimina
  11. R4 lo scalmo è quell'anello in cui si inserisce il remo. di solito. il tale inseriva qualcos'altro!

    con la ragazza, riprendendo il consiglio di un altro, puoi provare a suonare in spiaggia un po' di Zen Arcade degli Husker du!!!!! (magari con un portatile). se scappa in fondo il mondo è pieno di donne...
    saluti

    RispondiElimina
  12. è un'idea immensamente sentimentale, e per questo mi piace immensamente.
    se qualcuno lo facesse per me, anche in italiano dico, credo che mi liqueferei in una pozzetta di lacrime a mo' di squonk.
    non ascoltare i cinici e vai....
    ...e poi torna a dirci com'è andata ;o)

    RispondiElimina
  13. Guarda che la spiaggia dove va sempre, quest'anno, per tua sfortuna, non esiste più!

    RispondiElimina
  14. best regards, nice info
    » »

    RispondiElimina