martedì 4 ottobre 2005

Scaf. IX, rip. I

Mi vesto. Prendo le chiavi. Scendo. Accendo la macchina. Guido fino in bibilioteca. Spengo la macchina. Entro in biblioteca. Saluto. Lascio il libro preso in prestito quattro giorni fa. Apro il cassetto dello schedario con sopra l'etichetta "I-L". Scorro le schede. Arrivo a quelle di Kafka. Il Castello. Scaffale 9°, ripiano I. Apro lo scaffale nono. Mi piego sul ripiano I. Prendo Il Castello. Guardo la copertina. E' un oscar mondadori degli anni ottanta. Apro a caso per controllare la traduzione. Leggo la locuzione "a cagion di". Mormoro un'imprecazione. Mi avvicino al bancone. Solita battuta sul mio cognome. Questa volta: "amato dalle stelle?", qualunque cosa voglia dire. "Magari" rispondo, pentendomene subito dopo. Firmo. Torno in macchina. L'accendo. Parcheggio sotto casa. Scendo dalla macchina. Osservo il libro. Registro un live formicolio allo stomaco. Lo riconosco. E' lo stesso che mi prendeva da bambino davanti a un giocattolo nuovo.

Rock 'n Roll.

4 commenti:

  1. davvero bentornato. non che prima andasse male, anzi, ma ora è tornato il resto di r4, la marmitta eh eh eh saluti

    RispondiElimina
  2. Fra poco toccherà alle ruote, poi ai paraurti ecc...

    R4

    RispondiElimina
  3. Io quel formicolio lì riesco a provarlo solo quando acquisto giochi per la Playstation. Per i libri, pare non sia previsto.

    RispondiElimina
  4. Io solo quando prendo un libro nuovo. O quando viaggio.

    R4

    RispondiElimina