sabato 19 novembre 2005

Need for Speed in Paris

3 cose.
La prima: qualche giorno fa un vecchietto, in libreria, dopo avere scambiato quattro chiacchiere col sottoscritto, alla moglie che gli chiedeva che cosa stesse facendo ha risposto: "niente, parlavo con questo giovane bohémienne".
La seconda: ho consegnato alla casa editrice la bozza del romanzo. Se tutto va bene, il libro dovrebbe uscire per Natale.
La terza: ho scaricato - in questo caso non è illegale - il corto di Lelouch del '76, quello dove una Ferrari attraversa tutto il centro di Parigi a duecento all'ora in 8 minuti e 39 secondi senza fermarsi mai (e senza trucchi cinematografici, come recita la scritta all'inizio del corto). Nel film si vedono: un sacco di semafori rossi bruciati; controsensi presi a tutta velocità; Mini Minor sfiorate per un pelo; autobus evitati per un soffio; invasioni di marciapiedi; colombe che si librano in volo appena in tempo; persone che restano a bocca aperta; gomme che stridono a più non posso. E si vedono anche un sacco di Renault4.
Se vi piacciono i videogiochi, questo corto fa per voi.

Rock 'n Roll.

17 commenti:

  1. Attendo il comunicato stampa, la pic della copertina e tutto l'occorrente per trasformarlo in un best seller. Scene di sesso ne hai messe? Il sesso aiuta a vendere.

    RispondiElimina
  2. lo voglio anch'io il tuo libro eh!

    Tri

    ps: per le scene di sesso ti potrebbe aiutare Felizitas! ;)))

    RispondiElimina
  3. Vale anche l'autoerotismo?

    R4

    RispondiElimina
  4. ma c'è anche una dirimpettaia??? in bocca al lupo per il libro
    mel

    RispondiElimina
  5. Niente dirimpettaia, Mel. (Crepi).

    Ciao Medo!

    Mauro: grazie, manderò.

    R4

    RispondiElimina
  6. Grandee...! e veramente grandi complimenti... te lo meriti...
    saluti
    and

    RispondiElimina
  7. Sì lo so, Ang, me lo merito proprio di essere chiamato Bohémienne. Forse dovrei tagliarmi i capelli.

    R4

    RispondiElimina
  8. ang è qui, prima non ang ma and.

    augh.

    RispondiElimina
  9. Scusa Grande Capo. Troppi Calumet.

    R4

    RispondiElimina
  10. Meno capelli si hanno e più è semplice evitare l'etichetta di bohèmien (d'altronde, chi ha scarsi capelli e l'etichetta di bohèmien invece la vuole, non deve far altro che portare un basco blu calato sulle ventitré, stile Blaise Cendrars)

    RispondiElimina
  11. Dovrei raparmi a zero, forse.

    R4

    RispondiElimina
  12. Nooooooo! Metti che tutto il tuo genio sta nei capelli, poi devi aspettare che ricrescano! E non pensi poi a chi ti conosce, a chi si trova a passare del tempo in tua compagnia, a chi cerca di sopravvivere a una serata in cui tu decidi di non spiccicare una parola?! Se la situazione si aggravasse col taglio di capelli? Se le tue doti di socialità calassero ulteriolmente? Sarebbero "guai" in attesa della ricrescita...io, provata come sono, mi darei a una rapida e serena fuga! Ciao, ciao! Zizì

    RispondiElimina
  13. Poi questo non è il periodo di tagliare. Fa freddo!

    RispondiElimina