lunedì 5 dicembre 2005

Jack, Fernanda e Giuseppe

"Jack Kerouac ha sulla coscienza l'adesivo con il capellone e la chitarra e la «canna» che ha ornato nel corso dei decenni, dagli anni fine Sessanta inizio Settanta del Novecento in poi, decine, ma che dico, centinaia, ma che dico, migliaia, ma che dico, decine di migliaia, ma che dico, centinaia di migliaia, ma che dico, milioni, ma che dico, decine di milioni, ma che dico, centinaia di milioni, ma che dico, miliardi, ma che dico, decine di miliardi, ma che dico, centinaia di miliardi di Citroen 2 Cavalli. Jack Kerouac bevevo molto già prima di Charles Bukowski ma al contrario di quest'ultimo non era baciato da un gran senso dell'umorismo e da una splendida autoironia. Jack Kerouac in Italia veniva a trovare Fernanda Pivano o se si fermava in Francia a Parigi era la Fernanda Pivano che andava a trovare lui. Jack Kerouac frequentava poeti come Allen Ginsberg e Gregory Corso.

Lui però portava i capelli corti quando tutti i suoi lettori li portavano lunghi e si radeva la barba quando tutti i suoi lettori se la facevano crescere e portava scarpe chiuse quando tutti i suoi lettori portavano sandali e indossava abiti quando tutti i suoi lettori indossavano jeans a zampa d'elefante".

Giuseppe Culicchia, da La Stampa.

12 commenti:

  1. sarà un caso ma quell'adesivo é GIUSEPPE ed è tornato a camminare. non ti fermare GIUSEPPE esaurito delle nostre strade...

    RispondiElimina
  2. Il tizio dell'adesivo si chiama Giuseppe?

    R4

    RispondiElimina
  3. Se hai fatto copia e incolla, lo posso capire, ma che dico lo potrei capire, ma che dico lo capirei, ma che dico...

    RispondiElimina
  4. Ma sono solo io a non capire? C'è qualcuno qui in mezzo che parla italiano o almeno klingoniano?

    (R4)

    RispondiElimina
  5. epperò che storie, eh ? Cosa ci vuol dire il nostro ? Che jack era uno fuori dal coro ? e allora ? no, dico, allora ?

    RispondiElimina
  6. Me lo sono chiesto pure io, la prima volta che ho letto il pezzo. Mah. Come se fosse una specie di imbucato, non so.

    R4

    RispondiElimina
  7. No, dico, che c'è di strano? Gaber cantava che Libertà non è star sopra a un albero. Io aggiungerei che Libertà è anche non stare a misurare la lunghezza dei capelli altrui. Avere tutti i capelli lunghi non è (era, magari) star fuori dal coro, bensì cantare in un coro diverso dal solito, ma pur sempre un coro. O no?

    RispondiElimina
  8. That's a great story. Waiting for more. »

    RispondiElimina