martedì 3 aprile 2007

Ciò

Verso la fine de Il ladro di orchidee, Donald Kaufman dice al fratello gemello Charles: "you are what you love; not what loves you" – che in italiano sarebbe qualcosa come: "tu sei ciò che ami; non ciò che ama te."
Ecco, io non sono sicuro di avere capito il significato di quella frase. Il significato più profondo, voglio dire. Ogni tanto ci penso, mi concentro, ma niente. Cioè, nel film in un modo o nell'altro lo spiega, ma lo stesso ancora sono pieno di dubbi in proposito. Non lo so. Certe volte sento come se per me, capire il significato di quella frase, sia questione di vita o di morte.

(Sì, esatto, non sono proprio al massimo della forma. Per esempio oggi al centro di Rotterdam, sull'asfalto, qualcuno aveva scritto dappertutto la frase "What are U in 2?", forse come trovata pubblicitaria. Per un secondo, subito dopo averla letta, ho pensato che quella domanda fosse rivolta a me. Per dire.)

13 commenti:

  1. devo dire che hai avuto momenti migliori.....intendo più ispirato...qui a volte mi sei sembrato un pò "banale"...se banale è la parola giusta

    RispondiElimina
  2. Boh. Secondo me la banalità è sottovalutata.

    R4

    RispondiElimina
  3. ma allora non è che sei fuori forma, è che hai provato i famosi funghetti olandesi...ma così, in generale, intenzioni di tornare ce ne sono?

    RispondiElimina
  4. "sottovalutato" è la parola esatta

    RispondiElimina
  5. Ciao gianfri, l'intenzione ci sarebbe pure, ma da sola non basta.. Intanto vengo per Pasqua, poi si vede. Sempre "poi".

    Ciao Marco, come dice Bruce Willis in Pulp Fiction: "è così che li batterai, Butch. Continuano a sottovalutarti".


    R4

    RispondiElimina
  6. qualche tempo fa ho intervistato uno psichiatra. mi ha raccontato che una sua paziente schizofrenica era davvero convinto che ci fosse in atto una cospirazione buone nei suoi confronti. Le canzoni alla radaio erano tutte dediche per lei, i cartelloni publbicitari ce l'avevano con lei. Sei sulla buona strada. L'indirizzo dello psichiatra ce l'ho, quando ne avrai bisogno sappilo.

    RispondiElimina
  7. madonna, ho scritto pieno di refusi come paolo spremuta...

    RispondiElimina
  8. Stè...ma quante ti
    ni ricunuuuu!!!!..che poi sarà che,forse,non
    sanno rispondere neanche loro..hehehe!io sono tra quelli che non sanno risponder ma che ,onestamente,t trova tutt'altro ch banale...;)


    ....X

    RispondiElimina
  9. fino a qualche giorno fa ero ben felice d'essere "ciò che amavo";

    poi ho come aperto gli occhi, e ora non voglio essere nè "ciò che amo",
    nè "ciò che ama me";

    non per presunzione: per delusione

    (23)

    RispondiElimina
  10. Pasqua è vicina, ci si rivede allora?

    RispondiElimina
  11. Melodramatic grazie, quell'indirizzo potrebbe tornarmi molto utile.

    X grazie, anche tu sei sbanale, o qualunque sia il contrario di banale.

    Marco grazie, allora non sono il solo.

    Puck grazie, ci vediamo prestissimo.


    R4

    RispondiElimina
  12. ciao stef, quando arrivi fatti sentire che ci sarebbero dei concertini da fare.(sempre se ci va).

    RispondiElimina
  13. non sei il solo
    decisamente non lo sei
    :)

    RispondiElimina