venerdì 25 maggio 2007

DI4RIO – 17/30

Stamattina mi sono svegliato più che altro per le torture del cane che continuava a raspare sul bordo del letto. Prima di alzarmi ho riflettuto se non era il caso di fare qualche flessione, ho pensato che era il caso sì, mi sono sdraiato per terra a pancia in giù, ho detto: "bah" e mi sono rialzato. Dopo colazione ho letto le notizie del televideo, anche stanotte non era successo niente, il sole era ancora acceso e sul cupolone di San Pietro non era atterrato nessun Boeing. Ho dato un'occhiata alle chiavi di ricerca di accesso a questo sito, qualcuna mi è sembrata divertente, tipo "come scopare istruzioni", o "brooke beautiful si suicida", o ancora "genitali gattini foto". Ho provato una macchina da scrivere che mio padre ha trovato per strada e mi ha regalato, ho scoperto che funzionava benissimo, poi ho spolverato l'amplificatore che stasera si rockeggia a Rosolini. Sono andato a comprare una ricarica per il telefonino, su un muro ho letto a caratteri alti mezzo metro: "SQUADRA MOBILE SUCATELA!!!", sono rimasto a guardare per qualche secondo, non capivo dove andava messa l'accento di "sucatela". Probabilmente sulla prima "a", anche se la persona del verbo in questo modo non concordava col soggetto, allora ho pensato che forse l'accento andava sulla "u", e in questo modo la cosa prendeva una piega onanistico-dannunziana che mi ha fatto ridacchiare fra me e me. Più avanti c'era un'altra scritta, più piccola, "l'amore è come il morbillo....." (cinque puntini di sospensione), e ancora più avanti in una vetrina c'era un vestito da donna, sopra c'era ricamata la scritta "you give me more of everything", e dentro la "o" di "more" "I love you." A pranzo ho mangiato un intero fegato di merluzzo, anche se ci ho messo un po' di tempo a capire che si trattava di quello, all'inizio pensavo fosse tonno, poi ho guardato i Simpson, e siccome è un periodo che mi commuovo per qualsiasi cosa, mi sono commosso anche quando sulle note del ritornello di Happy together Lisa teneva le mani di un altro ragazzino. Alle tre sono andato a prendere un caffè a casa di una mia amica, poi ho frugato tra i suoi film, ho preso in prestito due DVD con dentro sei file Divx ciascuno, li ho presi, uno per La 25a ora, che volevo rivedere, e uno per Wittgenstein che volevo vedere per la prima volta. Adesso vado a caricare la macchina e poi a Rosolini che è un paese che conosco pochissimo, lo conosco solo perché mia zia ha una casa lì vicino, c'è un carrubbo enorme, da piccolo mi ci sarò arrampicato un milione di volte, era pieno di formiche rosse che mordevano come dannate.

Rock 'n' roll.

(Che cos'è DI4RIO.)

6 commenti:

  1. ma il fatto che ti commuovi facilmente ti capita più la mattina o durante il giorno? perchè io per es la mattina anche a lavoro se leggo una notizia brutta e cose del genere mi si riempiono gli occhi di lacrime che poi devo per forza andare in bagno e farle uscire....non so che mi prende!!
    i.

    RispondiElimina
  2. Non c'è un orario preciso. Può succedere in qualunque momento, senza preavviso, e questo è il bello/brutto della faccenda secondo me.
    Io le lacrime le faccio uscire in veranda...

    R4

    RispondiElimina
  3. infatti, perchè in bagno?

    RispondiElimina
  4. cos'è un carubbo? non lo so. una specie di carovana abbandonata, mi viene da pensare ma di sicuro non è. e poi, bravo per il "mah!" prima di abbandonare le flessioni. abbasso le flessioni! sono veramente inutili. e poi anche mi vien da dire Che fortuna per la macchina da scrivere!, io me ne sono fatta regalare una, ma dopo due giorni era di nuovo da aggiustare. però ho un set di dodici rulli rossi e neri nuovissimi per olivetti, se ti possono interessare.

    RispondiElimina
  5. io invece ti appoggio sulle flessioni!
    le faccio anch'io la mattina
    (meglio che avere le spalline calate..)

    marco

    RispondiElimina
  6. Un carrubbo è un albero. E' l'albero delle carrubbe.

    Marco, mi arrendo con le flessioni...


    R4

    RispondiElimina