martedì 29 maggio 2007

DI4RIO – 21/30

Oggi avevo mezza mattina libera, mi sono svegliato senza sveglia, quando ho aperto gli occhi ho capito subito che ero ancora triste per il fattaccio delle tartarughe rubate. Sdraiato, ho pensato se potevo in qualche modo avviare un'indagine privata per arrivare ai colpevoli, tipo interrogare i vicini, o fare il giro di tutti i negozi di animali di Siracusa, ma ho lasciato perdere all'istante. Uscire e andare a fare un giro mi annoiava, così ho preso in mano il romanzo di Roth e ho continuato a leggerlo, ci sto mettendo una vita a finirlo e la cosa mi secca molto. Quando mi sono stufato di leggere ho letto il televideo, poi le recensioni di Internazionale. Uno dei libri recensiti, Un giorno questo dolore ti sarà utile, l'ho visto in libreria, mi sa che la prossima volta gli dò una letta. Recensivano anche un libro a fumetti che avevo visto in Olanda, 99 modi di raccontare una storia, c'è una storia banalissima di una pagina di cui l'autore ha ridisegnato 98 variazioni, alcune davvero spassosissime. Mentre leggevo l'articolo, ho pensato che in Olanda quel libro me l'ha fatto conoscere la sosia di Rebecca Romijn, e questa cosa mi ha fatto uscire un sospirone lungo parecchi secondi. Ho cercato i testi di un paio di canzoni dei Manges, poi ho ascoltato tutto l'ultimo album dei Tre allegri ragazzi morti. Di pomeriggio ho provato a collegare una lampada ai fili che escono dal soffitto, solo che la mia scaletta di legno, quella con cui facevo gli ollie l'altro giorno, era troppo bassa, non ci arrivavo a intrecciare i fili di rame e a coprirli col nastro isolante, così sono andato a trovare una mia amica. Abbiamo visto un film insieme, Pi greco, angosciante ma bello, quando è finito la mia amica mi ha guardato in modo strano, ha detto "che facciamo adesso?", "guardiamo un altro film!" le ho detto io, lei si è incazzata e io dopo un po' me ne sono andato. Sono passato da una pizzeria per mangiare un pezzo di pizza, mentre aspettavo il mio turno mi sono messo a guardare una fotografia scattata a Siracusa negli anni cinquanta e che era appesa al muro, c'era un vigile su un piedistallo che dirigeva il traffico delle varie fiat 600 eccetera. Ai muri dei palazzi c'erano affissi alcuni manifesti cinematografici, mi sono avvicinato alla foto per leggerli, ed erano manifesti di film dai titoli fichissimi, tipo Robinson nell'isola dei corsari, o Maciste alla corte del faraone, mi sembra. Mentre leggevo ho pensato che Siracusa doveva essere bellissima all'epoca, pulita e tutto quanto, solo che poi mi è venuto in mente che se oggi è così com'è, in parte lo si deve alla gente che la abitava in quel periodo, che è come dire che se fra vent'anni le cose andranno ancora in questo modo un po' sarà stata anche colpa mia.

Rock 'n' roll.

(Che cos'è DI4RIO.)

5 commenti:

  1. a volte quando una ragazza chiede: che facciamo adesso, a volte, molto a volte, forse, vuole fare certe cose che non prevedono una tv accesa. a volte, ok? forse si è incazzata per quello. ma non lo darei per certo. :))

    RispondiElimina
  2. Stè mi dispiace per le tartarughe,cavolo!!sò cosa vuol dire...non c'è niente di piu brutto di perdere un'animale,persona ,oggetto ecc...e non poter rispondere alle domande:Dove,Quando,ComePerchè,Chiiiiiiiii...e te lo dico per esperienza mi è spesso capitato,proprio con animali, anche se nel mio caso si trattava di randagi(cani,gatti ecc.) che accudivo anche in modo disperato, se vuoi.La "perdita" a cui non sai rispondere ti tormenta...TRISTEZZA e RABBIA faranno sempre a pugni in questo round e K.O ci finisci sempre te,però!!!:(


    ....X

    RispondiElimina
  3. Forse le tartarughe non sono state rubate. Il mio ragazzo una volta aveva comprato dei tritoni: tutte le mattine li trovava in qualche angolo della stanza perchè di notte evadevano dal terrario. Ancora adesso non abbiamo capito come facessero a valicare le pareti di vetro, eppure continuavano a fuggire. Diffida delle tartarughe! Potrebbero essersene andate di loro spontanea volontà...

    RispondiElimina
  4. l'idea dell'indagine privata mi sembrava fichissima!

    come l'hai trovato l'ultimo dei Tre allegri ragazzi morti?

    m.

    RispondiElimina
  5. Corridrice, chissà perché ma ho avuto la stessa impressione

    X, grazie per la solidarietà.

    Fra, conosco tutti i posti dove andavano a nascondersi, e la impronte parlano chiaro: si è trattato di un furto.

    Marco, non ne sono sicuro, ma penso che mi stia piacendo.


    R4

    RispondiElimina