domenica 3 giugno 2007

DI4RIO – 26/30

Oggi mi sono svegliato appena in tempo per correre in libreria, non ho fatto quasi colazione, è venuta un sacco di gente anche se per metà del tempo ha piovigginato. E' entrato un ragazzo, ha chiesto se avevamo libri motivazionali, "cioè?" ho detto io un po' da stronzo, lui ha detto: "ma sì, uno di quelli che insegnano a ragionare un po' più da... e un po' meno da...", giuro che ha detto proprio così, con i puntini di sospensione e tutto, gli ho mostrato quello che avevamo, lui ha preso Come parlare in pubblico. Un altro ragazzo ha comprato non ricordo più che libro, però ricordo che al momento di pagare ha estratto tre banconote da cinque una dopo l'altra, e le ha lanciate come quando si lanciano le carte da gioco in un cappello. Prima o poi qualcuno dovrà scrivere un saggio sui diversi modi di porgere il denaro per pagare, io è una cosa che ci faccio caso spessissimo, la maggior parte della gente fa così con i centesimi, li lascia cadere come se gli facessero schifo, io sto sempre attento a non farlo neanche con le monete da un centesimo, non è bello. A pranzo ho mangiato pochissimo, non vedevo l'ora di andare a dormire, ma ho fatto l'errore di bere del caffè e praticamente non ho chiuso occhio, mentre ero sdraiato riuscivo quasi a sentire la caffeina e la melatonina fare a braccio di ferro nel mio cervello. Mi sono alzato e sono andato a radermi, avevo un gran barbone, il mio rasoio usa e getta bilama di plastica aveva perso il filo, o come si dice quando un rasoio non taglia più, a ogni passata sembrava che mi stessi radendo con la pietra lavica, quando ho finito ero tutto irritato, sia epidermicamente che umoralmente. Di pomeriggio in libreria è venuta un sacco di gente, non ho avuto neanche un minuto libero per continuare a leggere il Codice perduto di Archimede, però in un attimo di stasi ho letto I vestiti nuovi dell'imperatore, una fiaba di cinque pagine illustrata. Parla di un imperatore che cammina nudo per le strade perché due sarti furboni gli hanno fatto credere di avergli fabbricato dei vestiti invisibili agli occhi degli stolti, e siccome lui non vuole passare per stolto, finge di vederseli addosso. A casa ho mangiato della pizza regalo della vicina di casa, poi ho visto un po' di Report, hanno mostrato il processo a Saddam, e poi le rivoluzioni di velluto dei paesi dell'Est, che però sarebbero appoggiate dagli Stati Uniti. Ho messo su Mtv, c'era un'intervista ai Linkin Park, appena li ho visti inquadrati ho pensato che la canzone che si sente in questo periodo sembra uguale sputata alle canzoni loro che si sentivano gli anni scorsi, subito dopo il cantante ha detto che secondo lui nel nuovo disco hanno cambiato completamente stile, ma si vedeva che non ci credeva neanche lui.

Rock 'n' roll.

(Che cos'è DI4RIO.)

5 commenti:

  1. quattro giorni ancora... e poi?

    mi mancheranno queste tue cronache quotidiane...

    RispondiElimina
  2. già, ormai devi andare avanti per sempre! ahah

    RispondiElimina
  3. Ahah, anche a me mancherà fare i salti mortali per scrivere in tempo ogni giorno qualcosa!

    R$

    RispondiElimina
  4. ah ah ah

    mi sa che abbiamo fatto zapping nello stesso momento !!

    RispondiElimina
  5. Per forza, non c'era nient'altro!

    (R4)

    RispondiElimina