lunedì 4 giugno 2007

DI4RIO – 27/30

Stanotte ho dormito poco, avevo freddo e mi sono svegliato di malumore, ho spento la sveglia e sono rimasto a letto a commiserarmi, ho pensato: "Dovrei darmi da fare di più, dovrei lavorare quaranta ore settimanali come le persone normali, dovrei preoccuparmi di più del mio futuro, dovrei imparare almeno un'altra lingua straniera" e così via. Sono saltato giù del letto e poi sono corso in libreria. Siccome pioveva all'inizio non è entrato nessuno, ho letto qualche altra pagina del Codice perduto di Archimede, il capitolo intitolato Archimede in America, non vedo l'ora di arrivare al prossimo, Archimede a Siracusa. Nella zona bambini ho trovato I Promessi Paperi e altri capolavori della letteratura, l'ho tirato giù dallo scaffale e l'ho aperto con la speranza nel cuore, e sì, dentro c'era pure Guerra e Pace, la mia storia preferita di Topolino di tutti i tempi. Quella storia è fatta benissimo, con la giusta dose di senso dell'umorismo, romanticismo quanto basta e trovate geniali, non la leggevo da una ventina d'anni. Ho scaricato la posta della libreria, una delle mail aveva per oggetto: "increase your ejaculation in range and volume", non ho capito cosa volesse dire di preciso "range", a "volume" ci arrivavo, ma con "range" non sapevo proprio che pesci pigliare. Alla radio hanno parlato dei down shifter, gente che ha deciso di lavorare meno, guadagnare il minimo e consumare pochissimo, ho pensato che secondo me io sono un down shifter in piena regola. Hanno parlato pure della Generazione 1000 euro, dicevano che i ragazzi non ce la fanno a vivere con mille euro, poi vai a vedere, e non ce la fanno nel senso che non riescono a comprarsi le scarpe da trecento euro o non possono permettersi una vacanza ai Caraibi. Mentre tornavo a casa mi sono reso conto di essere praticamente a secco, avevo una paura matta di finire la benzina in mezzo al traffico, ho avuto una fortuna incredibile, la benzina è finita proprio all'ingresso del distributore, ho dovuto spingere la macchina per cinque metri appena. Dopo pranzo ero contento che stesse piovendo perché voleva dire che potevo starmene in panciolle a casa senza sentirmi in colpa, ho seguito il consiglio della mia amica Puck e mi sono visto In the mood for love, poi ho dormito un po'. Quando mi sono svegliato ho dato un'occhiata al Televideo, ho letto che Paul Newman ha dato dieci milioni di dollari in beneficenza, e io sono stato contento che uno dei miei film preferiti sia Nick Mano Fredda, anche se in originale è Luke Cool Hand ma va bene lo stesso. Ho letto la mail che mi ha mandato una mia amica londinese, iniziava così: "Hi Stephano!" e io ho riso da solo, le ho risposto, mi sono firmato "Stephano" per non farla sentire in colpa. Sono uscito con un mio amico, siamo andati alla fonte Aretusa a guardare le papere, c'erano anche un sacco di topi che ci scorrazzavano dentro. Uno era grande quanto un cucciolo di cane, due turisti lì accanto l'hanno visto e si sono messi a ridere, a me invece veniva da piangere, in casi del genere sono sempre troppo drammatico, lo so, non posso farci niente, giuro che prima o poi cambio.

Rock 'n' roll.

(Che cos'è DI4RIO.)

5 commenti:

  1. se se.... oramai non cambi più ;)

    RispondiElimina
  2. Dici?

    Eh, mi sa che hai ragione...


    R4

    RispondiElimina
  3. range è la gittata! ahahah! secondo me è un affare, con un'arma del genere si può inseminare anche a distanza!

    RispondiElimina
  4. anche io avrei riso, man.

    RispondiElimina
  5. Gittata! Ma certo! Come ho fatto a non pensarci prima.

    Ang, lo so, mi prendo troppo sul serio.


    R4

    RispondiElimina