mercoledì 6 giugno 2007

DI4RIO – 29/30

Oggi appena sveglio sono corso in cucina, non vedevo l'ora di fare colazione con la crostata di ciliegie di mia madre, poi mi sono immerso nel traffico e sono andato a scuola. Dopo c'era un mezzo programma di andare al mare, ma ho fatto tardi e ho lasciato perdere, sono andato al mercato ad ascoltare i venditori strillare. Ho cercato un costume da bagno ma non ne vendevano ancora, l'anno scorso ho fatto l'estate con un costume solo, quest'anno ci penso per tempo. Per terra ho trovato un Corriere della sera intonso, l'ho raccolto e sono andato a leggerlo su una panchina al sole, non c'è niente da fare, puoi avere tutti i problemi di 'sto mondo, con un sole come quello sulla testa te li scordi in un minuto. Sono tornato alla macchina, per strada ho letto su un muro, vergato a matita, NON CALPESTARE LE AIUOLE, MA CATANIA SI'. Dopo pranzo ho dormito un po', ho sognato Lemmy dei Motorhead che mi sgridava per non so quale motivo, ho finito di guardare In the mood for love, finisce con una voce off che dice: "il passato è qualcosa che può vedere ma non può toccare, e tutto ciò che vede è sfocato, indistinto." Ho ascoltato Ok computer, incredibile, ho realizzato che sono passati già dieci anni da quando è uscito. Sono andato al Teatro greco a guardare l'Eracle di Euripide, sarei arrivato anche in tempo per prendere un buon posto se all'entrata un pastore tedesco della Guardia di finanza non mi avesse rivolto troppe attenzioni. Un finanziere mi ha chiesto un documento, poi mi ha portato in un angolo appartato, mi ha fatto svuotare le tasche e la borsa, era un buon diavolo, in tasca avevo un preservativo, quando l'ha visto mi ha strizzato un occhio e mi ha lasciato andare. Ho trovato posto al centro di una gita scolastica, proprio quello che non speravo, visto che mancava un'ora all'inizio della tragedia, mi sono messo a leggere il romanzo di Roth. Mi sono visto dall'alto, un tizio che legge un libro, circondato da tutti i lati da adolescenti lombardi in libera uscita che facevano un casino della malora. Un po' si sono placati quando è iniziato lo spettacolo, che mi è piaciuto tutto tranne l'intermezzo danzereccio, durante il quale mi sono reso conto che davvero me ne sto troppo per conto mio. Al cinema vado da solo, i film a casa li guardo da solo, anche a teatro vado da solo, quando Eracle ha esclamato "in nome di Apollo!" ho riso soltanto io, ho pensato che ormai anche le battute me le faccio da solo, ma davvero non ci posso fare niente se sono il migliore amico di me stesso.

Rock 'n' roll.

(Che cos'è DI4RIO.)

13 commenti:

  1. bravo, non farci nulla: esserlo (il migliore amico...) è sempre/già una grande salvezza

    marco

    RispondiElimina
  2. [yarkyark yark!! "in nome di Apollo" :D ]

    Purtroppo è difficile trovare qualcuno con cui condividere passioni e gioie..

    Penultimo post diariesco eh..

    RispondiElimina
  3. Speriamo, Marco.

    Orsalè, già, oggi ultimo post, che farò da domani? Boh.


    R4

    RispondiElimina
  4. pro-ro-ga! pro-ro-ga! in nome di apollo!

    quei dannati della guardia di finanza una volta m'hanno fermato pure a me, uno dei due ha detto "questo ha qualcosa di sicuro", e davanti a tutti m'hanno fatto svuotare lo zaino, e non avevo un bel niente, nemmeno il preservativo. alla fine volevo dirgli "complimenti per il fiuto infallibile", ma me ne sono solo andato.

    RispondiElimina
  5. comunque, la Guardia di Finanza all'entrata del teatro greco (come dicono a Roma) "non se po' senti'!"

    m.

    RispondiElimina
  6. Ahah, Thomas io non potevo farla la battuta, perché sapevo che il cane qualcosa l'aveva fiutata veramente...

    M., anch'io mi sono chiesto che cavolo ci faceva la Finanza all'ingresso del teatro.


    R4

    RispondiElimina
  7. E niente proroga per ora, mi dispiace. Magari più avanti, ad Agosto inoltrato. Vediamo.

    R4

    RispondiElimina
  8. ..la verità è che ti devi disintossicare secondo me... ;)

    RispondiElimina
  9. guarda che essere il migliore amico di se stesso è proprio il segreto per non essere mai soli...e poi scusa,tanto solo non sei..in poche parole,a qualcosa ti servirà quel preservativo in tasca,no?qualcosa che non si fà da solo,insomma...hehehe a meno che non lo hai da anni,anni di solitudine con te stesso..hahah naaaaaaaaaaaaaaa non ci crede nessuno;-P



    ....X

    RispondiElimina
  10. Ok Computer è una pietra!

    RispondiElimina
  11. Orsalè, indirettamente hai ragione...

    X: No. Comment.

    Sub, completamente d'accordo con te.


    R4

    RispondiElimina
  12. anche io sono il mio migliore amico, mentre il peggior nemico è Ian

    DjD

    RispondiElimina