giovedì 7 giugno 2007

DI4RIO – 30/30 (Fine)

Questo è l'ultimo giorno di DI4RIO. Oggi avevo la mattina libera per metà, mi sono svegliato quando mi pareva, sono andato a fare colazione a base di crostata di ciliegie e caffè, e ho letto il televideo. Stravaccato sulla poltrona ho finito il romanzo di Philip Roth, poi ho letto la pagina Wikipedia in inglese su Roth, ho scoperto che una delle sue moglie è stata la Claire Bloom di Luci del Varietà di Chaplin. Ho giocato col cane, ho pranzato, poi ho cercato notizie sul nuovo film di Charlie Kaufman, ho trovato un'intervista e una locandina che è già apparsa a Cannes, non ho capito però se lo stia dirigendo lui stesso o di nuovo Spike Jonze. Ho rivisto Confessioni di una mente pericolosa, ho scoperto che nella scena dell'addestramento della CIA, accanto a Chuck Barris si vedono anche Lee Oswald e Jack Ruby, si leggono i loro nomi sulle camicie. Di pomeriggio sono uscito a fare un giro, prima sono passato dalla biblioteca, ho consegnato Roth e ho preso in prestito, dietro consiglio di un'amica, un romanzo di Calvino, Il sentiero dei nidi di ragno, da piccolo ho letto Il barone rampante ma secondo me ero troppo giovane per apprezzarlo in pieno. In centro mi sono fermato a spulciare i giornali stranieri, sulla copertina di Marie Clare ho letto: "Swimwear, tan, falling in love: the perfect summer", ho pensato che due ingredienti su tre della ricetta potevo anche procurarmeli, la terza è un po' più difficile. In libreria ho sfogliato il nuovo di Eggers e una monografia su Renzo Piano, poi mentre tornavo a casa ho pensato che è proprio vero quello che dice la famosa canzone di George Gershwin, vero nome Jacob Gershovitz, e cioè che d'estate vivere è facile. A casa sulla poltrona ho iniziato a leggere Calvino, dopo un po' ho poggiato il libro sulle cosce e ho pensato che mi mancherà questa faccenda del diario, mi ha costretto a registrare mentalmente quello che mi succedeva durante il giorno, perché ci tengo a precisarlo, niente di quello che ho scritto era inventato, mentre prima non facevo caso a un sacco di cose, ho imparato che ogni giorno, per poco che sia, succede sempre qualcosa, se non altro nella nostra testa. Ho cenato con della pasta al pomodoro e una frittata regalo della vicina, poi ho acceso il computer, ho ripensato a quello che mi era successo oggi e a quello che mi succederà domani ma che nessuno saprà, mi sono concentrato, ho tirato un bel respiro, ho iniziato a scrivere: "Questo è l'ultimo giorno di DI4RIO."

Rock 'n' roll.

(Che cos'è DI4RIO.)

13 commenti:

  1. Grazie di avere condiviso quello che ti capitava. E' un bell'esercizio infondo, che fa pensare che alla fine ogni giornata è piena di qualcosa, anche se sembrano azioni così, senza una grande importanza...

    Grazie davvero :)

    *lacrimuccia*

    RispondiElimina
  2. io già lo so che mi mancherà questo diario!

    RispondiElimina
  3. uffa ma che c'hai da fare oggi che non puoi più scrivere il di4rio?!

    dov'è che si può leggere l'intervista a kaufman? son curioso.

    RispondiElimina
  4. e mo ste? sono affezionata all'idea di leggerti la mattina da questo schifo di ufficio, in questa schifo di città....ogni tanto però fa uno strappo alla regola e ricorda che c'è una ragazza che si annoia moltissimo a circa 900 km da siracusa.

    RispondiElimina
  5. ultimo giorno di Diario ;-(..cmq abbiamo appurato,grazie al Diario,che non hai bisogno di sentirti in colpa al pensiero di sprecare attimi della tua vita,perchè è pienisssima..FIDATI!!2)avessimo tutti una vicina come la tua....;-P


    ....X

    RispondiElimina
  6. Un saluto e tutti, grazie la partecipazione, lo apprezzo molto.

    L'intervista a Kaufman si trova qui: http://www.screendaily.com/ScreenDailyArticle.aspx?intStoryID=32939&Category

    Una curiosità: chi è la ragazza che si annoia a 900 km di distanza? Chi sei?


    R4

    RispondiElimina
  7. l'anno scorso o un pò di più, non ricordo, ho letto un tuo racconto su linus, poi ti ho scritto e mi hai detto del blog, così ogni tanto pesso a leggere, non so perchè ma il diario l'ho letto tutto...tutto qui.
    comunque sto a roma,saranno 900 km di distanza?
    ilaria

    RispondiElimina
  8. Ciao Ilaria, mi ricordo di te!

    Sì, saranno 900, chilometro più, chilometro meno.


    R4

    RispondiElimina
  9. Calvino *_*
    Altamente consigliato "il castello dei destini incrociati".

    Mancherà il diario.non ho commentato causa scarso tempo, però lessi.

    RispondiElimina
  10. è da esperienze come queste che aumenta la consapevolezza nei propri mezzi...

    RispondiElimina
  11. E già Stè nella nostra testa succede sempre qualcosa... però io la vicina che mi regala la frittata non ce l'ho. Uffa!

    RispondiElimina
  12. E non solo la frittata, Puck!
    E la parmigiana, e le lasagne, e le polpette, e le lenticchie...

    (R4)

    RispondiElimina