lunedì 19 maggio 2008

Cose a cui pensavo oggi mentre pranzavo con un uovo fritto e due fette di pane tostato, e anche dopo

"Ma quelle che gli si vedono i bitorzoli anche da sotto il pullover, la maglia, la sottana e il reggiseno -- cioè, che razza di capezzoli hanno, quelle lì?"

E poi, mentre alla radio passavano il trailer del film tratto da Sex and the City:

"Fa' che non esca il libro fa' che non esca il libro fa' che non esca il libro fa' che non esca il libro fa' che non esca il libro fa' che non esca il libro fa' che non esca il libro fa' che non esca il libro fa' che non esca il libro fa' che non esca il libro fa' che non esca il libro fa' che non esca il libro."

Dopo, bevendo una tazza di caffè solubile:

"Mica male questo caffè. Stimola la peristalsi che è un piacere".

Poi mi sono accorto che era il primo lunedì, da un sacco di mesi a questa parte, che mi sedevo sul cesso senza avere l'ultimo numero di "Internazionale" in grembo. Allora mi sono messo a leggere l'etichetta del bagnoschiuma e mi sono chiesto:

"Ma davvero oggi uno ha bisogno del Sodio benzoato, del Benzofenone-4 e del PEG-7 Glyceryl Cocoate per potersi lavare?"

Allora ho pensato che mi piacerebbe andare nel futuro per sentire la gente ridere di noi poveri sfigati del ventunesimo secolo.

("Aspetta un attimo, vuoi dire che nel 2008 gettavate la merda nella fogna? Invece di convogliarla nelle centrali coproelettriche? Ah ah, che coglioni!")


(Rock 'n' roll.)

16 commenti:

  1. Mi spiace dover essere io a dare questa notizia, ma il libro di Sex and the city esiste già. Anzi, a quanto pare sono addirittura tre, e la serie televisiva è stata tratta proprio da lì.

    Ma magari la gente non lo sa e non viene a chiederli nella tua libreria ^^

    RispondiElimina
  2. Merda, spero di no. Ma non ci giurerei. Se amano I love shopping, adoreranno S&tC.

    R4

    RispondiElimina
  3. TU! non toccarmi Sex and the city, quello è uno dei miei telefilm preferiti insieme a Friends ed I ragazzi della prateria. Con questa rivelazione mi avrai già catalogata in chissà quale genere di gente!( sempre che già non l'avessi fatto!eheheh) se se, comunque proprio in una puntata del telefilm *rosa*, Samantha( che tu non conoscerai) faceva uso di bitorzoli finti, in gomma, tipo ventose. Si dice che la visione di tali bitorzoli turgidi dovrebbe arrapare voi maschietti, ma a stò punto resta un "si dice" visto che tu ci hai fatto una riflessione, a meno che oggi, ad ora di pranzo, non eri arrapato nel pensarlo! Scuoto la testa non oso immaginare la scena!
    m'bare ma cantai e ma sunai mentre te stavi solo mangiando un uovo! vabbè prendila come un modo per farti un saluto...

    Ciao ....X
    ;)

    RispondiElimina
  4. Mah, da piccolo ho visto qualche puntata, di notte, ma mi ha sempre annoiato e certe volte perfino irritato.

    Ciao!


    R4

    RispondiElimina
  5. rispondo a quella sui capezzoli, mi sento preparato

    "...che razza di capezzoli hanno, quelle lì?"
    R: da mordere!!!

    RispondiElimina
  6. Azz... devo ripassare di qua.
    Blog assai piacevole!

    ('màzza, ma come parlo?)

    Ossequi.

    RispondiElimina
  7. Ciao ed!

    Ciao Rick, non ci avevo pensato.


    R4

    RispondiElimina
  8. Piuttosto, come fai a bere il caffè solubile?

    Saluti,

    Zelmira

    RispondiElimina
  9. Boh, porto la tazza alle labbra, la inclino, e poi ingoio il liquido che si riversa nel mio cavo orale.

    Facile.


    (R4)

    RispondiElimina
  10. Ciao Stefano, sono incappata in tuo racconto L'apprendista librario e m'è piaciuto molto! Anch'io sono una commessa frustrata ;) e un'apprendista libraia...e mi chiamo Stefania. Se ti va passa a trovarmi.

    RispondiElimina
  11. intendi di quelle a cui puoi appendere qualcosa, tipo il cappello?

    RispondiElimina
  12. Ah ah, esatto!

    (R4)

    RispondiElimina