lunedì 4 gennaio 2010

Dal film La piccola libreria degli orrori - Le murene di Dortmund


(Clicca sull'immagine per ingrandirla.)
Info sul film.

5 commenti:

  1. a me la piccola libreria degli orrori piace sempre di più e mi sembra strano che non si realizzi una pellicola, poi però penso che ormai un angolo di quella libreria c'è già nella mia testa e c'è anche un libraio-senza-faccia e quindi va bene così per ora ché non si può mica cambiare una volta che si inizia, si può perfezionare l'ambiente, aggiungere o togliere ma quell'angolo lì, con quegli scaffali, quella cassa, quella vetrina, quella porta con tre gradini a scendere e quel corpo senza faccia ormai ci sono.

    RispondiElimina
  2. Ehi, per chi volesse vedere la mia faccia ricordo che basta procurarsi il mio libro (sull'aletta c'è la mia effige..)

    R4

    RispondiElimina
  3. ‘spetta. Pugno. Qua, se la prendo per un verso, che sicuramente non è quello giusto, sembra che tu voglia tarpare le ali alla mia immaginazione e alla mia personalissima regia. Io l’ho vista la tua faccia sull’aletta, è anche una bella faccia (sono quella della domanda sul biglietto della metro, poi ho deciso per un biglietto non ancora scaduto caduto dalla tasca di chi gli aveva dato le indicazioni). La prima puntata è antecedente all’uscita del libro e avevo deciso per questo tipo d’inquadratura, senza prendere spunto dal disegno che compare sull’apprendista libraio, mi piace come sta venendo la pellicola nella mia testa e mi sembra che questo corpo con la testa sempre fuori dal fotogramma dia un senso d’inquietudine di fondo che ci sta bene e bon, anche se piace solo a me, io per ora continuo così. Chissà, magari nella scena finale ci sarà un intero (sempre ammesso che tu ci dia la possibilità di leggerla :D).

    RispondiElimina
  4. Capisco benissimo quello che vuoi dire. Io certe volte dopo avere letto la sceneggiatura di un film poi non è detto che abbia voglia di vederlo.

    (Bella la soluzione al problema-biglietto!)


    R4

    RispondiElimina