martedì 6 aprile 2010

M.I.A.

Sapevo che prima o poi sarebbe successo, ma non pensavo già alla terza tappa. La busta delle "Sirene in viaggio" da due settimane è data per dispersa. Si è impantanata da qualche parte fra la provincia di Torino e quella di Pavia. Nel frattempo le Poste--forse spinte in questo dall'eccellenza del servizio fornito--hanno deciso di annullare la tariffa speciale per spedire i libri. A questo punto non resta che confidare in un miracolo. Uffa.

Aggiornamento delle 17:30 -- la tariffa "piego di libri" esiste ancora! Non so quale tariffa abbia cambiato il decreto Scajola, ma quella che interessa da vicino "Le Sirene in viaggio" è ancora in vigore. Oh yes.

6 commenti:

  1. Accidenti, è io che devo riceverla una seconda volta, chissà quando.
    Non fosse inconcepibile sarebbe perfino ridicolo: tu paghi per la spedizione, loro la perdono e tutto quello che puoi fare è sentirti dire che essendo solo una spedizione "prioritaria" non sono tenuti a dirti nulla, se si è persa si è persa ed è fatalità. Il senso delle parole pari a quello della vergogna...

    RispondiElimina
  2. E comunque, per quel che riguarda la tariffa: http://essepunto.it/2010/04/tariffa-editoriale-ridotta/

    RispondiElimina
  3. Fantastico! Allora il "piego" c'è ancora! Magnifico, ora manca che si ritrovi il pacco e siamo a due buone notizie.

    R4

    RispondiElimina
  4. Nuoooooooooooooooo Librooooooooooooooooo!!!

    Speriamo in Bene!

    OrsaLè

    RispondiElimina
  5. Ma sì, sono fiducioso.

    R4

    RispondiElimina