giovedì 20 maggio 2010

Museo entomologico intracranico

L'altro giorno mi è entrato un moscerino in un occhio, si è depositato fra la palpebra inferiore e il globo oculare, è rimasto lì per un po' a ricoprirsi di liquido lacrimale e poi è scomparso, ma non scomparso verso l'esterno, scomparso e basta, come se il mio occhio l'avesse digerito o qualcosa del genere. Allora ho pensato che probabilmente era successo che il sale contenuto nelle mie lacrime aveva mummificato l'insetto rendendolo innocuo al mio sistema immunitario, e poi l'insetto era scivolato dietro l'occhio in uno speciale compartimento del nostro cranio che accoglie, dopo averli mummificati con le nostre lacrime, tutti gli insetti e le altre cose che entrano nei nostri occhi nell'arco di una vita, e se a uno quando muore gli aprissero la testa con quei seghetti circolari che usano loro, gli troverebbero un piccolo museo d'entomologia, con gli insetti perfettamente conservati e catalogati, ma senza i cartellini con i nomi latini scritti sopra.

15 commenti:

  1. la cosa degli insetti dietro gli occhi è una cosa che turba parecchio pure me, però non avevo mai riflettuto sulla possibile esistenza di una sacca di conservazione, la cosa in effetti mi inquieta, vien quasi voglia di cercarla...

    RispondiElimina
  2. Scommetto che là dietro abbiamo di tutto. Insetti, palline di polvere, miliardi di ciglia...

    R4

    RispondiElimina
  3. E le caccoline di mascara? Ci saranno pure quelle? No, ché io dopo che schiatto provo a rivendercele al signor L'Oreal. Sai gli eredi come saran felici d'averci i soldi fatti con le caccoline di mascara di nonna?

    RispondiElimina
  4. L'idea che esistano delle caccoline di mascara mi lascia alquanto disgustato...

    R4

    RispondiElimina
  5. Se è per questo pure a me. Ma non molto più del tuo moscerino, ecco.

    RispondiElimina
  6. Quand'ero piccolo non li sopportavo proprio il mascara o il rossetto sulla faccia delle mie zie. Soprattutto il mascara. Non capivo cos'era.

    R4

    RispondiElimina
  7. Ecco, la prossima volta che qualche donnina ti ciglieggia con degli occhioni da Bambi, ecco, il mascara è quello.

    RispondiElimina
  8. ahahah. ogni tanto in effetti capita di sentirsi dei musei.

    ma quello là in alto è un futura? :)

    RispondiElimina
  9. (ovviamente non avevo visto il post più in basso)
    però così è sparito il magenta! dico, il tuo colore distintivo, il magenta!

    RispondiElimina
  10. Lo so, ma ho letto un articolo che mi ha messo paura, diceva che i link SI DEVONO POTERE DISTINGUERE, altrimenti si rischia che gli insetti del tuo museo cranico si risvegliano e si nutrono del tuo cervello, ahahah!

    R4

    RispondiElimina
  11. ma può essere che escano dal naso!? consentitemi 'sta cosa schifosa, ma lo sò ( quasi) per certo perchè più di una volta il mascara mi è uscito dal naso. Ok, ok mo 'sta cosa farà un pò ribrezzo però, giuro, che nell'asciugarmi il naso c'erano tracce nere ( mascara o matita) mi chiedevo cosa fosse ma ne ho avuto la semi certezza quando, mettendo una matita verde mi uscì verde! ma non era muco erano filamenti di mascara e/o matita, appunto O.o
    vabbè va, su questo proporrei svomitazzata collettiva. O.o

    Joli

    RispondiElimina
  12. Perché appena leggo o pronuncio la parola "mascara" (o "matita" associato a "occhi") mi vegono dei conati di vomito?

    R4

    RispondiElimina
  13. Conati per mascara? Anche quello del Catania?
    (Io, una volta, ho mangiato una mosca senza volerlo: non sapeva di niente. E comunque non esiste una sacca dietro l'occhio, bensì un dotto naso-lacrimale, nel quale i moscerini possono essere incanalati, parzialmente digeriti ed in seguito espulsi attraverso il naso, sotto forma di caccole nero-verdastre e crosticine. Lo sostiene anche il dottor Prof.LUIGI MARINO
    ISTITUTO AUXOLOGICO ITALIANO IRCCS
    tel 02 619112500 Via Ariosto 13, Milano
    su
    http://www.medicitalia.it/consulti/Oculistica/67516/Collirio-occhi-effetto-abrasione-dolore
    che scrive:
    "certo
    esiste il dotto naso lacrimale che porta le lacrime dall'occhio nel naso e quindi in gola,
    delle lacrime non se ne accorge mase mette un collirio
    sente la sensazione strana in bocca , come di amaro..."
    Lo confermo anche io, perché ogni volta che sento odore d'ammoniaca mi lacrimano gli occhi, o ogni volta che piango mi cola il naso. E fa bene piangere: i dotti naso-lacrimali si ripuliscono dai moscerini e dal mascara accumulati.

    RispondiElimina
  14. Lo sapevo, lo sapevo!!!! Mauro! mio eeerooooooe.. *con occhi pregni d'ammirazione lo "guarda"* ahahah!

    é che trovo caruccio chi s'impegna a spiegarti le cose :D

    RispondiElimina
  15. Ah, non avevo letto. Grazie Mauro!

    R4

    RispondiElimina