sabato 5 giugno 2010

Prima in bici, mentre venivo in libreria, ho sorpassato un signore che canticchiava fra sé e sé l'inno di Mameli come io canticchio le canzoni dei Tre allegri ragazzi morti. Quando ho parcheggiato, lì vicino c'era una signora sui cinquant'anni con i capelli riuniti in moltissime treccine, un'amica le ha chiesto quanto ci aveva impiegato a farsele fare, lei ha risposto "un milione di ore". Accanto alla porta della libreria c'era un ragazzino che ascoltava col telefono una canzone di Eros Ramazzotti. Fissava il vuoto, e intanto teneva mezzo telefono infilato in bocca come se volesse mangiarsi la musica, o usasse il cavo orale come una cassa acustica, o tutt'e due le cose. E' ancora qui fuori, lo sto guardando in questo momento. Adesso ascolta un pezzo di Fabri Fibra.

12 commenti:

  1. O forse cercava di soffocarsi per la vergogna di quello che ascoltava.

    RispondiElimina
  2. Oppure il telefono aveva un buon sapore..?

    s

    RispondiElimina
  3. Solo se era un iPhone. Quello sa di mela (giuro, adesso mi metto nell'angolo per una decina di minuti di vergogna).

    RispondiElimina
  4. Hai fatto arrossire anche il monitor, hai fatto.

    s

    RispondiElimina
  5. Guarda, ho fatto un quarto d'ora di vergogna. Sola, nell'angolo e in ginocchio sui ceci.

    RispondiElimina
  6. ..però a te non sfugge niente, eh! sarebbe da ribattezzarti Stefano "24ore".
    Da piccola chiamavo così una vicina di casa, stava sempre alla finestra, non si perdeva niente di tutti, appena guardavi nella sua direzione vedevi la tenda che ondeggiava ( sarà che si nascondeva hahaha).
    E ora!? dicci chi passa ora, dai!:P

    RispondiElimina
  7. ah dimenticavo, Sere vengo a spulciare nel tuo blog, troppa simpatia mi fai ;)

    Joli

    RispondiElimina
  8. Joli, l'immagine della tenda che ondeggia è raccapricciante, mi sembra Psycho..

    s

    RispondiElimina
  9. Joli, fai pure, ché la simpatia è reciproca :-)

    RispondiElimina
  10. Anche io mi sono mosso in bici oggi. Stamattina ho deciso di andare al mercatino delle pulci a Reggio Calabria. Mentre andavo mi son fermato al supermercato a comprare qualcosa da bere. C'era una grassa signora Afroamericana che comprava pompelmi amari, sedano e una quantità imbarazzante di carni rosse. Dopo aver fatto scorta di succo di frutta ho continuato verso il mercatino ma sul lungomare c'era una sottospecie di festa dello sport con tanti dodicenni in kimono che si picchiavano sotto gli sguardi attenti dei genitori. Al mercatino non ho trovato la trombetta per bici che cercavo, peccato.

    RispondiElimina
  11. Strano l'abbinamento Ramazzotti - Fabri Fibra. Il primo canta la stessa canzone da vent'anni e più, una canzone che non dice nulla. L'altro invece scrive di molteplici verità nascoste e in pochi hanno capito che sa davvero come vanno le cose. Il ragazzo col telefonino stava forse confrontandoli?

    RispondiElimina