giovedì 1 luglio 2010

Al mare, oggi

E c'era un ragazzino che stava scrivendo un messaggio col telefono, si è girato verso gli amici e ha detto: "oh, come si scrive 'frocio'?"
E c'era una ragazza che appena arrivata si è spogliata e poi ha impiegato un quarto d'ora a ricoprirsi di crema protettiva, l'amico gli ha chiesto: "ma non ti vuoi abbronzare?", e lei ha risposto: "è che in teoria io oggi sarei in malattia."
E c'erano due signori sui sessant'anni che cercavano di decidere se per una donna è meglio avere un seno piccolo o grande, uno ha detto: "un seno piccolo con gli anni rimane uguale, ma uno grosso...", poi si sono guardati e sono scoppiati a ridere.
E c'ero io, fra tutti loro, che ascoltavo tutto quello che dicevano.

7 commenti:

  1. l'importante è esserci

    RispondiElimina
  2. Mi piace quando vado da sola, mettermi vicino agli altri per carpirne il vociare. L'altro giorno, una mamma 40enne alla figlia adolescente: "Certo, eh, che quando stai con me t'annoi, e quando ce stanno gli amici tuoi invece te diverti".
    vale

    RispondiElimina
  3. Conosco il problema, faccio lo stesso sui mezzi. L'importante è tenere "Circolo Pikwick" dritto mentre lo leggi: se lo tieni sottosopra ti scoprono subito.

    RispondiElimina
  4. io dico tette grosse e vita fine

    RispondiElimina
  5. Mmmh, secondo me ha ragione il vecchio col suo ragionamento lungimirante..

    s

    RispondiElimina
  6. Poppe grosse e sole a tinchitè per guarire dalla malattia.
    Ho detto.

    RispondiElimina
  7. Ah ah, d'accordissmo! Soprattutto sul sole a tinchitè.

    s

    RispondiElimina