martedì 3 agosto 2010

In fila

Stamattina al mare provavo a leggere I fratelli Karamazov, ma era impossibile. Attaccati a me, alla mia destra, c'erano due vecchi sui settanta, uno di loro sfogliava un libro illustrato sulla visita di Mussolini a Siracusa nel '36, e intanto diceva all'altro: "guarda, guarda i barilla (sì, con la "R"), guarda che belli i barilla tutti in fila, guardali", l'altro si è sporto a dare un'occhiata, ma sembrava perplesso. Poi si sono messi a parlare della strage di Bologna, il primo vecchio diceva che secondo lui non era stato Fioravanti, "non è stato Giusva", diceva, lo chiamava Giusva, il secondo vecchio allora gli ha chiesto se secondo lui prenderanno mai i mandanti, il primo vecchio gli ha mostrato l'indice e l'ha mosso a destra e a sinistra, "no, no" diceva, "non li prendono", e intanto faceva un sorrisino furbo, come se il mandante fosse lui, tipo, e stesse fregando tutti quanti.

4 commenti:

  1. Metti che per una strana e pazzesca coincidenza fosse lui °_°

    RispondiElimina
  2. Be', la faccia (e i discorsi) del pezzo grosso dell'esercito in pensione, ce l'aveva.

    s

    RispondiElimina
  3. ma non sapeva di essere finito nella trappola del blogger stefano amato!

    RispondiElimina
  4. Accidenti, sono un blogger? Quando è successo? Aiuto, non voglio essere un blogger. Si può tornare indietro o ormai è troppo tardi?

    s

    RispondiElimina