martedì 12 ottobre 2010

3° DI4RIO - 20/21

Stamattina mi sono svegliato con una gran voglia di andare al mare, ho pensato, adesso apro le tapparelle, se c'è anche solo una parvenza di sole mi metto il costume e vado. Ho aperto le tapparelle, niente, il cielo era così coperto che sembravano le sette di sera. Ho fatto colazione, poi ho letto un piccolo saggio su Hal Ashby, ho pensato che è strano che non abbiano mai fatto un film sulla sua vita, perché è la classica parabola ascesa + successo + caduta da biopic hollywoodiano, sarebbe perfetto. A pranzo sono andato dai miei, ho giocato con mio nipote a "Olly e Benji", poi nel pomeriggio mi sono chiuso in casa a non fare niente, vagavo dal divano, alla scrivania, al letto, alla cucina senza un programma, un po' leggevo, un po' suonavo la chitarra, un po' fissavo il vuoto, è stato bellissimo. Peccato per il vicino che al telefono litigava credo con la ex moglie, allora ho pensato che tanto valeva ascoltare bene quello che diceva, sono andato in bagno che lì si sentiva meglio, l'ho sentito urlare: "tu, e tutti quanti, dovete mettervi in testa che la vita va goduta!" Poi sono andato a fare un giro in centro, ho visto un uomo che somigliava moltissimo a Vincent Schiavelli, e una ragazzina che ha urlato alla madre "PERCHE' MI ODI?" Ma in generale non ho notato molto, non so, è un periodo che me ne vado in giro senza registrare tutto quello che vedo, come faccio di solito. E' come se non fossi "affascinato" da quello che mi circonda, e vago con le mani in tasca e gli occhi piantati a terra, rimuginando su un milione di cose al secondo. Poi siccome nel mio girovagare mi ero comprato un pezzo di pizza con le melanzane, a cena ho cucinato solo un pugno di riso in bianco, e mi sono rivisto un po' di Miami vice di Michael Mann, ché Gong Li in quel film mi piace un sacco, anche se quando parla inglese sembra uno di quei programmi del computer che leggono quello che scrivi.

5 commenti:

  1. "poi mi sono chiuso in casa a non fare niente, vagavo dal divano, alla scrivania, al letto, alla cucina senza un programma, un po' leggevo, un po' suonavo la chitarra, un po' fissavo il vuoto, è stato bellissimo"

    prima non ne ero sicurissima, ma ora si. io t'invidio.
    ciao.

    RispondiElimina
  2. Sai che ti dico? Oggi m'invidio pure io..

    s

    RispondiElimina
  3. L'immagine di te che giochi ad "Olly e Benji" mi ha un attimino bloccato la digestione, ma passerà.
    Stefigno, detto ciò, m'oppongo alla chiusura del "diario", da quando c'è lui ho pure cancellato l'abbonamento da tutte le riviste di gossip :P
    e dajè, continualo, alla fine son dei post che nascono da una giornata ma si fondono con i tuoi pensieri. Facci 'sta sorpresa, dai. :)

    RispondiElimina
  4. No, no, magari più avanti ne comincio un altro. Comunque se vuoi sapere i fatti miei sai dove trovarmi, ahah..

    s

    RispondiElimina
  5. Sì, di sabato e domenica :D
    anche se la storia sarebbe sempre quella, io che t'azzanno il cervello e te che rispondi con cenni della testa. Non si caverebbe un ragno dal buco.
    E vabbe' mi rassegno, non mi resta che aspettare il nuovo diario. Non l'avrò mai vinta con te, mai! Uff :(

    RispondiElimina