mercoledì 1 dicembre 2010

Le sirene di Rotterdam su Flanerì

Inizia che sta per soffocare, ma il protagonista non lo sa. E neanche il lettore, sulle prime, se ne avvede.

Ha una famiglia vagamente stramba, il protagonista. Una famiglia che sembra lo speculare siracusano (con il merito di veicolare lo sfondo siciliano attraverso un carattere e uno sguardo altro piuttosto che per stereotipi) dei Maulaussene parigini. Surreale quanto basta per presentarsi ai nostri occhi disperatamente reale, perché, pur essendo composto una tonalità sopra, ci racconta una verità cristallina.
Continua a leggere la recensione di Maria Luisa Maricchiolo.

6 commenti:

  1. E' proprio una bella recensione e la frase:

    Una famiglia che sembra lo speculare siracusano (con il merito di veicolare lo sfondo siciliano attraverso un carattere e uno sguardo altro piuttosto che per stereotipi) dei Maulaussene parigini.

    è proprio azzeccata.

    RispondiElimina
  2. Verissimo, mi piace molto.

    s

    RispondiElimina
  3. Che bella sorpresa trovare qui la mia recensione, e constatare che sia piaciuta:)
    Saluti,
    MLM

    RispondiElimina
  4. Ciao Maria Luisa, davvero bella. Quello che fa più piacere, poi, è sapere che hai letto attentamente (e capito) il libro. Avrei voluto ringraziarti ma non sapevo come contattarti, e in più non so se si usi ringraziare un recensore per una recensione...

    s

    RispondiElimina
  5. Anche a me è piaciuta molto.
    Claudia

    RispondiElimina