martedì 29 marzo 2011

Il fritto misto

Ieri ho detto a un ragazzo che non vedevo da tempo che lavoro in una libreria, lui mi ha guardato un secondo senza dire niente, poi ha detto, ah, invece Tizio ha fatto carriera, sai (quante cose dice quell''invece' senza dirle, e quanto ne vado fiero, io, di quell''invece', lui non lo saprà mai), pensa, ha continuato, che abita a Berlino, lavora per uno sceicco, e questo sceicco mettiamo che gli viene voglia di fritto misto, bene, telefona a Tizio e gli dice, portami il fritto misto, e Tizio deve comprare un fritto misto, salire sul jet privato dello sceicco, e mettergli il piatto sotto il naso entro quattro ore dalla telefonata, altrimenti lo licenzia. Questo ragazzo che non vedevo da tempo a quel punto ha fatto un sospiro, ha scosso la testa, e ha detto sincero, io lo sapevo che Tizio avrebbe fatto carriera. Vero, ho detto io.

9 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. E' un po' presto, ma anche no, però mi è venuta voglia di fritto misto...

    RispondiElimina
  3. Non è mai troppo presto per un fritto misto.. :)

    s

    RispondiElimina
  4. Salve!
    Colgo l'occasione per comunicarti che sto leggendo "Soggetti del verbo perdere", che la mia ragazza aveva comprato e che io ho scroccato(ma appena ho qualche spicciolo che mi avanza mi ordino Le Sirene, deciso!).

    È sempre un piacere leggerti ;)

    RispondiElimina
  5. Che bello, finalmente essere completamente schiavi di uno sceicco è considerato far carriera!

    RispondiElimina
  6. ahahahahah non oso immaginare cos'altro può chiedergli lo sceicco, a questo qui che ha fatto carriere, oltre al fritto misto.

    RispondiElimina
  7. ahaha, neanch'io, ma la prossima volta che lo vedo glielo chiedo!

    s

    RispondiElimina
  8. Libreria, tutta la vita!
    :)

    OrsaLè+1

    RispondiElimina