lunedì 14 marzo 2011

L'argentino

Quando ho saputo del terremoto in Giappone ho pensato subito a un ragazzo argentino che ho conosciuto a Madrid. Qualche settimana fa sono andato a Madrid, magari riuscivo a togliermi dalla testa libri e scaffali per un po'. Ho prenotato una camera in un posto che si trovava in calle de los libreros, cioè in via dei librai. Buffo, ho pensato. Sarà solo un nome. Solo che poi ho scoperto che quella era davvero la via dei librai. Ci sarà stata una dozzina di librerie in cento metri scarsi, e il mio hotel era proprio in fondo alla strada, così ogni volta che uscivo dall'hotel o ci tornavo ero circondato da tutte quelle librerie, sembrava un incubo fin troppo realistico. Comunque una mattina ero a fare colazione in un bar e accanto a me, al bancone, c'era un ragazzo argentino. Abbiamo attaccato a parlare, e dopo un po' io gli ho detto quello che dico a tutti gli argentini che incontro, e cioè che secondo me L'eternauta è un fumetto bellissimo, anche se in realtà non l'ho mai letto tutto quanto. Il ragazzo argentino sembrava esserci rimasto male, e infatti subito dopo mi ha chiesto perché in Europa, gli europei finiscono sempre per parlargli della "Guerra sporca" e dei desaparecidos (Oesterheld, l'autore dell'Eternauta, è stato uno di loro). Poi, forse per cambiare discorso, mi ha detto che presto si sarebbe trasferito in Giappone, voleva raggiungere la sua ragazza, e io gli ho chiesto se non avesse paura dei terremoti (giuro, gli ho chiesto proprio così). Lui mi ha detto che no, non aveva paura, primo perché i giapponesi sanno il fatto loro sui terremoti. E secondo, ha detto una cosa stucchevole. Io l'avevo capito dagli occhi che stava per dirla. Ho pensato, ti prego, non dirlo, è troppo presto per fare discorsi stucchevoli. E invece lui l'ha detto. Ha detto, chi se ne frega dei terremoti, l'importante è che io e la mia ragazza stiamo di nuovo insieme. Mi sembra giusto, ho detto io, falso come Giuda. Poi ho pagato e me ne sono andato. Mi chiedo che ne è stato di tutti e due in questi giorni.

4 commenti:

  1. :/
    Post dolceamaro...

    OrsaLè

    RispondiElimina
  2. Triste.

    Magari stanno bene, chissà.

    Saluti.

    RispondiElimina
  3. il R4 di "non leggete questo post" (2005, se non sbaglio) non avrebbe mai trovato stucchevole tanto amore... quindi: o sei diventato un cinico o menti!

    per l'argentino e per la sua bella (ma anche per il Giappone, che io amo) un pensiero di speranza.

    v

    RispondiElimina
  4. Che vuoi che ti dica? Si cresce...

    s

    RispondiElimina