giovedì 19 maggio 2011

"Please immediately remove ecc."

L'aspettavo da tempo, e alla fine è arrivata. Intendo la minacciosissima email dell'ufficio legale degli eredi di Salinger con la quale mi "pregano" di chiudere il sito della Foresta capovolta. Detto, fatto: le donazioni sono state numerose, ma non abbastanza da affrontare l'azione legale di un agguerrito studio di Manhattan.

Be', è stato bello finché è durato. Ringrazio tutti coloro che mi hanno donato i loro 99 centesimi. Vi posso assicurare che saranno ben spesi.

Se c'è una cosa che quest'esperienza mi ha insegnato, comunque, è un'altra. E cioè che, come scriveva il Many qui, l'editoria sta cambiando, si sta lentamente capovolgendo, e secondo me in meglio. E' possibile, finalmente, fare qualcosa di bello aggirando editori, promotori e tutti gli intermediari del caso. Non lo so se è davvero come al tempo delle radio libere perché io non c'ero allora. Ma mi piace pensare di sì. Dice: sì vabbè, così va a finire che tutti diventano editori di se stessi. E allora? Bello, dico io.

12 commenti:

  1. Il Calabrese del mese scorso19 maggio, 2011 14:25

    è un problema se condivido il tuo lavoro in un circolo letterario virtuale?

    RispondiElimina
  2. Il Calabrese del mese scorso19 maggio, 2011 14:39

    Bene, l'ho condiviso :)

    P.s.
    A proposito dei cambiamenti nel "mondo dell'editoria" se ti va posso invitarti al circolo. Condividiamo tra di noi libri in formato elettronico. Non bisogna essere smanettoni e si trovano un sacco di libri interessanti.

    RispondiElimina
  3. Ehm, in realtà io non ho ancora un lettore di ebook. Magari quando ne comprerò uno ci risentiamo :)

    s

    RispondiElimina
  4. Il calabrese del mese scorso19 maggio, 2011 14:50

    Ti aspetto ;)

    (ok, la smetto con le emoticon)

    RispondiElimina
  5. complimenti davvero, da un traduttore che si illude che si possa tradurre anche quello che non hanno deciso le case editrici.
    matteo

    RispondiElimina
  6. Be', io ormai ce l'ho, quindi mi riprometto di assicurargli una lunga sopravvivenza underground.

    RispondiElimina
  7. questa cosa di accostare la nuova editoria alle radio libere mi ha aperto un mondo. e comunque la cosa più bella di questa nuova editoria è che vanno a farsi friggere al creatore gli editori a pagamento.
    viola.

    RispondiElimina
  8. Secondo fra un po' anche gli editori tradizionali faranno i conti con questa cosa. Perché uno scrittore famoso deve accontentarsi del 10% sul prezzo di copertina, quando pubblicando per conto suo su internet si becca fino al 70%?

    s

    RispondiElimina
  9. e così alla fine si sono fatti vivi? be' era anche prevedibile.
    :)
    a presto, Stefano!!

    RispondiElimina
  10. Dunque non è più possibile riceverne una copia? Sarei molto interessato a leggerlo.

    RispondiElimina