mercoledì 29 giugno 2011

La svolta

Stamattina, al mare, per la prima volta in vita mia una ragazza che non conoscevo mi ha chiesto che libro stessi leggendo. Lei lo ha chiesto a me. Per un istante ho temuto che l'universo potesse collassare su se stesso.

10 commenti:

  1. A sera non sembra sia collassato. Vero che non si vedono ancora tre stelle ma sembra comunque tutto in ordine. A proposito: che libro era?

    RispondiElimina
  2. Ah, ecco chi va in giro a importunare le ragazze con la scusa del libro..
    Ciao!
    :-)

    RispondiElimina
  3. Ora che mi ci fai pensare non credo che qualcuno me l'abbia mai chiesto! Voglio dire, con vero interesse e non come domanda di routine.
    Comunque questo post mi ha fatto tanta tenerezza :D

    RispondiElimina
  4. e comunque io quando sono in pausa pranzo al parco ho sempre un libro e c'è sempre pieno di bei giovanotti e mai nessuno m'ha chiesto che libro stessi leggendo. ecco.
    ma a parte tutto ora dicci cosa leggevi.
    viola.

    RispondiElimina
  5. Ehm, era un Urania, "I mercanti dello spazio".

    Ovviamente quando leggi Roth o Melville, nessuno ti chiede niente.

    s

    RispondiElimina
  6. A me quando ho letto Melville un ragazzo l'ha chiesto... fortunata!

    RispondiElimina
  7. Ma anch'io se vedo una o uno che legge Melville chiedo (con molto tatto e cautela) come sta :-)

    RispondiElimina
  8. Ci avrei scommesso che era un Urania o una cosa del genere! Legge di Murphy, davvero.

    RispondiElimina
  9. ...a me è capitato molte molte molte molte(ho già detto molte?)volte di assumere espressioni ineguagliabili cercando di carpire titoli di libri tenuti tra le mani di altre persone accanto a me...troppo "forse timida" per chiedere...ma incuriosita SEMPRE! ^____^

    RispondiElimina