lunedì 26 settembre 2011

Poesia?

Signore, sappiamo entrambi
che non ci sei,
ma se ci sei
ti prego
fammi meno pigro.

Quando mi vedi
steso
sul letto
a non fare niente,
trovando mille scuse
per non alzarmi
e anzi facendone
una questione
di principio,
pensando:
"Dove sta scritto che uno
non può stare
un pomeriggio
sdraiato?",
tu cala
la tua mano su di me,
manda via questi
orridi pensieri,
fammi alzare
e combinare qualcosa
di buono.

Fallo, ti prego.
Davvero, Dio,
se ci sei
fallo.
Ma con calma.
Non per forza
oggi.

8 commenti:

  1. Se sei pigro è perché ti ha fatto pigro, si vede che avrà altri progetti per te ;-)
    A.

    RispondiElimina
  2. > Signore, sappiamo entrambi
    che non ci sei,

    Come ti disse un certo direttore di una certa rivista, "Caro Stefano, così cominci proprio male." :D

    A parte gli scherzi, se ci fosse davvero qualcuno lassù, anche a me un bel po' di pigrizia in meno non guasterebbe...

    RispondiElimina
  3. Dev'essere una malattia comune. Uno dei sintomi più evidenti è farne una questione di principio.

    RispondiElimina
  4. fa molto guidocatalano!

    Oddìo, non mi sembra proprio un complimentone…

    RispondiElimina