sabato 22 ottobre 2011

Tre o quattro corde

Stamattina stavo strimpellando la chitarra acustica -- quella che mi è rimasta; l'altra l'ho prestata ma credo che a questo punto posso dirle addio -- e ho pensato che forse le tolgo un paio di corde. Quattro corde, se non tre, dovrebbero bastare per le canzoni che mormoro sulla poltrona con una birra aperta fra i piedi la sera. Probabilmente dovrò dire addio agli accordi minori e di settima, ma non è quello che sto facendo ormai da una quindicina d'anni con la mia vita?, ho pensato. Togliere tutto quello che è in più, tutto quello di cui posso fare a meno senza sentirne la mancanza, e anzi provando un senso di libertà che tutti gli accordi di questo mondo non possono darti? Ripensandoci, quasi quasi tolgo più di due corde. Lascio una corda sola. Il LA.

14 commenti:

  1. Sapendoti un appassionato dei Ramones, posso tranquillamente affermare che il LA, alla fin fine, è più che sufficiente.

    RispondiElimina
  2. ehm... http://www.youtube.com/watch?v=pNoPNC3ebYQ , http://www.youtube.com/watch?v=-RlUwS1LKRs&feature=related e soprattutto http://www.youtube.com/watch?v=qMf-em-56Mc&feature=related

    RispondiElimina
  3. Mi viene in mente "giro in sì" di Silvestri.

    RispondiElimina
  4. C'è chi passa la vita ad accumulare e chi a sottrarre.
    Chi accumula rischia di perdere di vista se stesso, chi sottrae non rischia di confondere il superfluo con l'essenziale.
    Bravo! Io faccio un po' come te. Senza chitarra però, che non so suonare ;-)

    RispondiElimina
  5. C'è chi però toglie tutto, ma proprio tutto e alla fine non rimane niente.

    RispondiElimina
  6. @ anonimo

    Resta sempre qualcosa, alla fine. Il nucleo più autentico di noi stessi. Che magari è poca cosa, ma almeno, appunto, autentico.

    RispondiElimina
  7. In fondo hai ragione, Bianca.

    RispondiElimina
  8. povera chitarra, pensa se un giorno lei decidesse che per raggiungere l'essenzialità cantata dovresti avere un paio di corde vocali in meno...

    RispondiElimina
  9. Stanotte sognavo di rovistare tra pacchi di corde. Prendevo delle corde di nylon e poi pensavo: ma dai, non ne vale la pena; manco ce l'ho una chitarra classica. Allora cercavo le corde per una Ashai che ho comprato nel '93.

    RispondiElimina
  10. Ahaha, pensa che bello se tolgo le corde, e poi mi accorgo di essere rimasto con una sola corda vocale..

    Mauro, se vuoi ti vendo la mia..

    s

    RispondiElimina
  11. Stefano, tanto ormai non suono più. E poi ho sempre preferito la chitarra folk.

    RispondiElimina
  12. ma non l'hai prestata, l'hai semplicemente lasciata da me perchè eri troppo pigro per riportartela in bici!

    :oP pernacchia!!!

    RispondiElimina
  13. Ahah, vero, ma "prestata" suonava meglio :)

    s

    RispondiElimina