sabato 6 ottobre 2012

4° DI4RIO - 10/28

Oggi 5 ottobre 2012 dopo colazione dovevo fare dei giri, ma prima ho fatto la doccia e la barba, e intanto che mi sbarbavo mi sono un po' autocommiserato, ho ripensato a quando ero piccolo, a tutti quei ragazzi che mi facevano venire i complessi, i ragazzi ricchi e sinistroidi che avevano tutto, motorini, ragazze, soldi, mentre io non avevo niente, e per questo quella gente mi snobbava, e io per farli arrabbiare dicevo che votavo a destra, anche se avevo solo diciassette anni e non votavo, e a quelli di destra dicevo che votavo a sinistra, e così mi snobbavano tutti, proprio come oggi. Ma poi mi sono detto "ma sei scemo?", e ho pensato che sono sempre andato fiero di questo essere fuori dal giro, da tutti i giri, quindi tutto a posto, sono tornato in pace con me stesso, sono uscito. Per strada ho sentito un signore dire alla moglie "se tu allungassi il passo e non ti fermassi ad ogni negozio, FORSE arriveremmo in tempo". Ho visto un arrotino affilare un coltello, e un gruppo di americani starlo a guardare come se fosse stato un'attrazione turistica, gli facevano le foto e dicevano "that’s amazing", e io ho pensato che quella sarebbe vita: andare in giro su una vespa special ad affilare coltelli, con gli americani che ti dicono che sei amazing. Al supermercato ho sentito un signore dire in dialetto al cassiere, "adesso vado a prendere mia figlia a scuola, e mi dimentico tutti i problemi". Poi sono andato dal dentista, in sala d'attesa c'era un uomo che parlava da solo, e che appena mi ha visto ha cominciato a darmi il tormento, era convinto che volessi passargli davanti, io ho tirato fuori il romanzo sugli hedge fund e l'ho ignorato, poi la visita è durata dieci minuti, era tutto a posto, meno male. Poi sono uscito con una mia amica, abbiamo fatto una passeggiata, e quando ci siamo separati ho incontrato un amico mio che mi ha invitato a cena, ho mangiato da lui, e intanto mi raccontava di quanto si senta giù in questo periodo, eh, gli ho detto io, ti capisco. Poi siamo usciti insieme, per strada abbiamo incontrato un amico suo che gli ha detto "hai mai fatto caso che le iniziali di Eckart Tolle sono ET, come l'extraterrestre?" Poi ho incontrato un altro mio amico ancora, oggi grande vita sociale, ci siamo fatti un paio di birre in giro, io ero ancora in bermuda dal pomeriggio, cominciavo a sentire freddo, ci siamo messi a parlare di musica e di ragazze, ma poi si è fatto tardi, siamo tornati a casa, adesso sono stanco morto, quasi quasi preferisco quando non parlo con nessuno e resto a casa a vedere un film.

6 commenti:

  1. Ma perchè "voi scrittori di successo" siete così misantropi?!
    ;-)
    (abile sviolinata con colpo basso finale!)

    v

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me se noi scrittori fossimo di successo non saremmo così misantropi :)

      Elimina
  2. autocomiSSerato non va...

    RispondiElimina
  3. autocomiserato non va...

    RispondiElimina