giovedì 4 ottobre 2012

4° DI4RIO - 9/28

Oggi 4 ottobre 2012 mi sono svegliato con un po' di mal di testa, mi sa che ieri sera in giro col cane avevo preso un po' di freddo, comunque mi sono trascinato in cucina, dopo colazione andava un po' meglio. Poi in bagno ho letto un po', ho scoperto che esiste un film con Clint Eastwood e Burt Reynolds, erano anni che mi chiedevo se quei due avessero mai fatto un film insieme, l'hanno fatto, solo che ho dimenticato di appuntarmi il titolo, e ora vallo a ritrovare, maledizione. Poi sono andato al mare, si stava benissimo, ho nuotato un sacco, e ho letto questo romanzo che stento a finire, un romanzo ambientato nel luciferino mondo degli hedge fund, ci sto mettendo tanto perché è pieno di termini tecnici, non ho ancora capito se l'autore lo faccia apposta a fare la supercazzola col lettore per aumentare il senso di vuoto che si prova leggendo di questi uomini che maneggiano miliardi di euro come fossero spicci, oppure lo fa per giustificare tutte le ricerche che ha fatto, magari alla fine si capisce. Dopo pranzo ho portato a spasso il cane, sono passato davanti ai manifesti elettorali delle elezioni, tra tutte quelle facce non ce n'era una che ispirasse un minimo di fiducia, anche perché io ho un pregiudizio, sono convinto che per presentarsi alle elezioni, farsi fotografare per un manifesto ecc., bisogna rinunciare a un po' di dignità, e io non sono sicuro di volere votare per qualcuno che mette da parte la propria dignità. Il mese scorso sono andato a sentire Claudio Fava, e lui alla dignità invece sembrava tenerci, e infatti penso che lo voterò, anche se ha fatto un pasticcio, e anche se quando è venuto a Siracusa prima di lui ha parlato un signore che poi al momento di dargli la parola ha detto "passo il microfono a Claudio, dài, facci sognare", che uno pensa, ma perché? Poi di pomeriggio ho fatto le centocinquanta flessioni che faccio un giorno sì e uno no, non lo so perché le faccio, mi sembra una di quelle cose da fare senza pensarci, perché dopotutto farle è meglio che non farle, e se uno comincia a chiedersi perché e percome finisce che non le fa più. Poi ho letto su un sito come si frigge un uovo a regola d’arte. E di sera in bicicletta ho fatto i soliti quattro chilometri in salita per cenare con i miei, non ci ho messo neanche tanto, quando sono arrivato non era nemmeno finito First World Manifesto degli Screeching Weasel, e intanto che pedalavo pensavo che fra nuoto, flessioni e bicicletta faccio più sport io di chi va in palestra regolarmente, per giunta senza nemmeno pagare, evvai.

6 commenti:

  1. Il film è "Per piacere... non salvarmi più la vita" [City Heat] del 1984
    http://www.imdb.com/title/tt0087062/

    RispondiElimina
  2. "Poi di pomeriggio ho fatto le centocinquanta flessioni che faccio un giorno sì e uno no, non lo so perché le faccio, mi sembra una di quelle cose da fare senza pensarci, perché dopotutto farle è meglio che non farle, e se uno comincia a chiedersi perché e percome finisce che non le fa più."

    E infatti il motivo per cui ho smesso di andare in palestra è che ad un certo punto ho cominciato a domandarmi che senso avesse fare stupidi esercizi a tempo di musica o altri in sala attrezzi contando per un certo numero di volte (perché 25 e non 26 o 27?).
    Mi sembrava tutto così nonsense.
    Preferisco andare a farmi una bella passeggiata per tenermi in forma, o correre, almeno parto da un punto e vado fino ad un altro, insomma, c'è una mèta da raggiungere. E poi sì, spostarsi in città a piedi, o in bici, aiuta a tenersi in forma quasi quanto andando in palestra, forse anche più ed è gratis. :-)
    Il mare a Roma non ce l'abbiamo, peccato. C'è vicino, ma fa schifo. :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potresti andare al mare di corsa, fare un tuffo e tornare!

      Elimina
    2. :-D

      Magari faccio anche un pezzo in bici, così mi alleno per il triathlon.

      Elimina
  3. giusto per romperti un po' anche fuori dal lavoro.... potresti dirmi il titolo di quel romanzo sugli hedge fund?
    non è uno scherzo, mi interessa davvero :-)
    grazie
    f.

    RispondiElimina