giovedì 23 maggio 2013

Superman: Red Son



Ho da poco finito di leggere tutto Superman: Red Son, un fumetto DC della serie "Elseworlds", ovvero ambientato in un universo alternativo. In particolare Superman: Red Son parte dalla seguente premessa: e se anziché in Kansas la navicella di Superman fosse atterrata in Ucraina, e il piccolo Kal-El cresciuto in una fattoria collettiva dell'ex Unione Sovietica? Va a finire che Superman adulto è un paladino della classe operaia, sul petto ha ricamati falce e martello, e chiama i suoi concittadini "comrades". E siccome si è in piena guerra fredda, gli Stati Uniti lo vedono come una minaccia e fanno di tutto, tramite Lex Luthor, per eliminarlo. Il finale poi è di quelli che dopo giorni che li hai letti ogni tanto fissi ancora il vuoto imbambolato e ci ripensi. Spesso non capita neanche con i romanzi migliori.

4 commenti:

  1. http://www.pocko.com/en/editions/tablehead/ memore del tuo bellissimo "calciobalilla"...goditi questo artista. ciao, cletus

    RispondiElimina