lunedì 17 novembre 2014

5° DI4RIO - 6/36

Oggi mi sono svegliato di nuovo al suono della sveglia, ma solo alla terza o quarta volta che la rimandavo, non ricordo; ricordo però che pensavo ancora al sogno che avevo fatto, c’era qualcuno, non so chi, che mi aveva appena detto che Facebook e la Bibbia hanno questo in comune, sono entrambi grandi esempi di pessima letteratura, boh. In libreria ho continuato l’inventario, a un certo punto è venuta una cliente che mentre pagava mi ha detto “Sa, mia figlia che sta in Germania ha letto il suo libro e le è piaciuto molto”, e io le ho detto “Grazie, mi fa molto piacere”, e solo dopo mi sono reso conto che era vero. Alla chiusura ho fatto in tempo ad andare in un minimarket a comprare una cassa di acqua minerale, e mentre la portavo a casa sulla canna della bicicletta un po’ mi dispiaceva di non bere più l’acqua piena di metalli pesanti delle fontanelle perché, c’è poco da fare, nonostante l’età sono ancora convinto che una cosa nociva come prendere la scossa o bere metalli pesanti possa prima o poi procurarmi un superpotere. A casa ho pranzato con del risotto ai funghi, e mentre lo mangiavo mi sono chiesto se i vegani li mangiano i funghi, visto che, com’è noto, geneticamente parlando sono più imparentati con gli animali che con le piante. Dopo pranzo ho scritto un messaggio a una ragazza, poi ho dormito un po’, fatto qualcosa, un minimo, al computer, e poi di nuovo in libreria a completare l’inventario. Nei momenti morti ho letto alcuni libri di ricette siciliane in lingua tedesca, è una cosa che mi piace fare ogni tanto perché mi ricorda che i piatti che io mangio ogni giorno da qualche altra parte del mondo risultano esotici. Quando ho chiuso la libreria sono andato al supermercato a fare un po’ di spesa, in bici ero felicissimo perché abbiamo finito l’inventario e intanto canticchiavo una canzone che non c’entrava niente, Don’t let them beat my baby dei Riverdales, mi sono accorto che in bici canticchio di continuo qualcosa. In fila alla cassa del supermercato ho sentito un tizio dire a un uomo e una donna “Complimenti, vi vedo bene, avete le facce felici”, e l’uomo ha risposto “Eh, apparentemente... Alla fine indossiamo tutti delle maschere in pubblico”. Poi mentre tornavo a casa ho visto una gelateria trasformata per una sera in discoteca, e dopo cena ho visto i Guardiani della galassia, pensavo di vederlo uno di questi giorni insieme a mio nipote, ma ho notato che c’è un sacco di violenza gratuita e compiaciuta, forse troppa, quindi a costo di sembrare un bacchettone no, non glielo faccio vedere.

6 commenti:

  1. Levami una curiosità: «ho fatto qualcosa al computer» è una tua maniera apotropaica di dire «ho scritto un po’»?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse.. (Maniera apotropaica di dire "sì", ah ah..)

      Elimina
  2. Scusami, oggi t'ingorgo i commenti: «a costo di sembrare un bacchettone no, non glielo faccio vedere».

    Bravo. Anche per l'osservazione sui funghi, ovvia ma non ci avevo mai pensato!

    RispondiElimina
  3. non hanno sistema nervoso ne' altri tipi di tessuto, (almeno) io il problema non me lo pongo, buona fungata a tutti!

    RispondiElimina
  4. Io sono vegana e i funghi li mangio. Non hanno un sistema nervoso appunto e non mi risulta siano individui senzienti nel senso di avere un cervello.

    RispondiElimina