domenica 2 novembre 2014

Scuola

Ieri e l'altro ieri ho incontrato nella sala conferenze del museo archeologico regionale un po' di classi di un liceo di Siracusa, i cui ragazzi avevano letto "Il 49esimo Stato". Un po' ho letto loro alcune parti del libro, un po' ho risposto alle loro domande e un po', per alleggerire l'atmosfera, ho letto il volumetto dove sono raccolte alcune delle cose che mi succedono in libreria e che ogni tanto riporto sull'altro sito. C'erano anche altri autori locali allo stesso evento, c'era Angelo Orlando Meloni, c'era Daniele Zito, c'era Luisa, un'ex libraia che si spende moltissimo per organizzare eventi culturali in questa città, la mia città, che per chi non lo sapesse è Siracusa. Una città, Siracusa, nella quale per dire, quando sono in giro in bicicletta e mi guardo intorno, e guardo le persone per strada, nelle macchine, sui motorini, a me sembra che è tutta gente che fa benissimo a meno dei libri, si vede che il pensiero di leggere un libro non li sfiora minimamente. E questa cosa, quando la noto, m'intristisce a tal punto che poi per giorni non trovo il coraggio di visitare un sito, subito.it -- che spesso visito alla ricerca una bicicletta di seconda mano -- perché così mi evito di leggere gli annunci che sono, per la maggior parte, scritti in una lingua che somiglia all'italiano, ma è un italiano nel quale "ha" si scrive senza "h", "è" senza accento, non esistono apostrofi, dopo la virgola non si mette lo spazio, il verbo non concorda quasi mai con il soggetto, e il congiuntivo e il condizionale sono intercambiabili. Non so perché sono finito a scrivere di quest'argomento dopo essere partito dai ragazzi del liceo, che invece sono stati buoni e attenti e hanno fatto domande molto interessanti. Si vede che mi andava. Comunque se a qualcuno interessa, in fondo a questo sito sono ricomparsi i collegamenti alle pagine precedenti.

4 commenti:

  1. Non è solo Siracusa, sta' tranquillo. Ora, magari, questo invece di consolarti ti avreà avvilito anche più.

    RispondiElimina
  2. Grazie per aver ripristinato i collegamenti.

    RispondiElimina