lunedì 15 dicembre 2014

5° DI4RIO - 34/36

Stamattina appena sveglio ho preso il libro e le bollette e sono corso alle Poste, ma c’era troppa gente, dopo poche pagine ho richiuso il libro e sono uscito ad aspettare il mio turno fuori, su una panchina. Mentre aspettavo ho osservato un tizio anche lui in attesa che mi ha ricordato Homer Simpson, e osservandolo mi ha colto di sorpresa un fatto: ormai Homer Simpson è più giovane di me. E poi è successa una cosa che non avevo mai visto succedere: è passato il postino che doveva svuotare la cassetta delle lettere là fuori. L’ho fissato rapito mentre metteva il suo sacco sotto la cassetta, apriva la botola sul lato inferiore e aspettava che le lettere cadessero nel sacco. Che lavoro da sogno, ho pensato mentre lo guardavo allontanarsi verso la prossima cassetta. Dopo sono passato in libreria a prendere una bellissima cartolina-puzzle che mi ha mandato una ragazza, ma non quella anonima, una ragazza che un nome ce l’ha. A pranzo sono passato da mia sorella, c’era anche mio nipote che mi ha detto tutto trionfante che alla fine ha visto Terminator Salvation, e mi ha chiesto di spiegargli i paradossi temporali. Io gli ho detto che Kyle Reese da grande torna indietro nel tempo, incontra Sarah Connor e insieme fanno John, per questo se Skynet uccide il giovane Kyle Reese, John Connor scompare dall’esistenza. Allora lui ha detto “Perché? Se uccidono Kyle Reese la mamma può sempre fare il figlio da sola”. Io ho aperto la bocca e poi l’ho richiusa, non sapevo cosa dire, è ancora presto per certi discorsi. A casa ho trovato nella mia cassetta una lettera di Google, poi ho trafficato con il sito della mia banca, ma in queste cose sono un disastro, le banche, le tasse, i soldi, faccio finta che non esistano, poi però realizzo che esistono e sono guai. E mentre trafficavo con il sito della banca mi ha chiamato una mia amica, abbiamo chiacchierato un po’, poi ho preparato un tè e ho fatto qualcosa al computer, dopodiché sono uscito a fare due passi. In giro ho incrociato due tizi stranieri, uno stava dicendo all’altro “So, what pisses me off is...”, poi sono andato a vedere la pista di pattinaggio sul ghiaccio che hanno montato per il Natale, ho letto il cartello del regolamento, un articolo diceva “Vietato lanciarsi palle di neve”. Poi tornando a casa ho visto la stessa faccia che c’è sulla copertina di Stoner affissa diverse volte su un muro, ho pensato Dài, stanno organizzando qualcosa su Stoner, poi però mi sono avvicinato, non era vero niente, quella era la faccia di Biagio Antonacci, era il manifesto di un suo concerto, Stoner non c’entrava niente.

4 commenti: