venerdì 12 giugno 2015

Con la stessa moneta

«Quella gente ha letteralmente occupato la Sicilia usando la violenza, l’intimidazione, la tortura e il terrore. Bene, noi li ripagheremo con la stessa moneta.» Pausa. «Ora, non so voi, ma di certo io non sono stato trasferito qui dalla Cecchignola, né ho attraversato mezza Italia in un treno senza aria condizionata e stipato come un carro bestiame, per dare a quella gente lezioni di umanità. I mafiosi non possiedono umanità. Sono dei maniaci che da secoli trattano i siciliani come schiavi, sfruttandoli e ammazzandoli. Sono animali ignoranti e analfabeti al servizio di boss che odiano la Sicilia e amano solo il potere.»
Ranieri aspettò che quelle parole arrivassero ai destinatari.
«Ecco perché vanno eliminati dalla faccia della terra. Ed ecco perché ogni mafioso che incontreremo – sia che si tratti di un semplice picciotto, sia che si tratti di un ambizioso capomandamento che sogna di prendere un giorno il posto di Riina – noi lo uccideremo.»



[I Bastaddi sono stati al TG5!]

3 commenti:

  1. non spoilerare ché lo devo ancora leggere! : )

    RispondiElimina
  2. Sì, infatti, perché il tizio si è messo a raccontare proprio il finale? Per fortuna ero troppo distratto dai tuoi capelli per capire cosa diceva... :)

    RispondiElimina
  3. Per fortuna li ho tagliati solo adesso, i capelli, altrimenti ti saresti concentrato sugli spoiler!

    RispondiElimina