domenica 21 giugno 2015

Nel mirino

L'altro giorno ho sentito un giornalista dire alla radio che un calciatore è nel mirino di una squadra, e io ho pensato, Poverino, chissà perché vogliono sparargli, poi oggi, a distanza di tre giorni, mentre tornavo a casa in bici dal lavoro ho capito, Ah, no, ho pensato, se lo vogliono comprare, nel senso.

2 commenti:

  1. I giovani calciatori sono molto aggressivi e vivono allo stato brado nei campetti di periferia per cui le squadre gli sparano dardi narcotizzanti per catturarli, poi li addomesticano e li fanno giocare in campionato. A quelli già addomesticati per accaparrarseli gli sparano col fucile caricato a pallettoni di banconote di grosso taglio. O almeno, io avevo capito così.

    RispondiElimina