martedì 3 novembre 2015

Non ridere troppo

E mi ricordo qualche settimana fa, ero in giro per Milano senza niente da fare, ero felice perché avevo da poco lasciato il lavoro in libreria, ero così felice che ogni tanto dovevo ricordare a me stesso di non ridere troppo, comunque, ero in giro per Milano, e non so perché ho cominciato a pensare al mio epitaffio, e alla fine a forza di immaginare frasi, tagliare, aggiungere, limare, fare editing ecc., alla fine mi ero deciso per due sole parole da incidere sulla mia lapide: "non importa".

Che poi chissà perché quando uno è felice, quello è il momento in cui comincia a pensare al proprio epitaffio.

Nessun commento:

Posta un commento