martedì 11 ottobre 2016

Politica

Poi succede questa cosa stranissima,
che quando alla radio parlano di politica,
ho notato, sembra che parlano sempre
della stessa cosa: quelli che comandano
litigano perché non riescono a mettersi
d'accordo sul modo in cui quelli che non
comandano devono scegliere chi li
deve comandare. E ogni volta che
sento discorsi del genere mi viene
in mente un campetto da calcio tipo quello
dove giocavo io da piccolo, e m'immagino
una persona che si affacci dal proprio
balcone, e invece di vedere i bambini
giocare, li veda tutto il tempo, per tutto
il pomeriggio, a centrocampo, a fare la conta,
a comporre e disfare le squadre eccetera, ma mai
a giocare.

2 commenti:

  1. Vero, ben detto. Il fatto è che, credo io, la politica ha fatto il suo tempo. Serve altro, al mondo, e serve molto in fretta.

    RispondiElimina
  2. Stefano, bel parallelo potente, grazie!
    G

    RispondiElimina