giovedì 10 novembre 2016

Offendersi

E una cosa per cui mi offendo,
anche se so che non dovrei,
è quando una persona mi racconta
uno stesso aneddoto due volte, magari
a distanza di poco tempo una dall'altra.
Mentre questa persona mi racconta
per la seconda lo stesso aneddoto io
penso, Ma come fai a non ricordarti di
avermelo raccontato già l'altro ieri con
le stesse identiche parole, con le stesse
espressioni facciali, magari con gli stessi
gesti? A chi pensavi di raccontarlo
la prima volta? Di sicuro non a me,
perché altrimenti non me lo racconteresti
di nuovo. Sono così anonimo?, mi chiedo
quando cominciano a raccontare la seconda
volta. Così insignificante? Così nessuno?
Ma come ti permetti di farmi sentire nessuno?,
penso, magari mentre annuisco come sentissi
l'aneddoto per la prima volta, perché sotto
sotto non voglio che questa persona, nonostante
mi stia facendo sentire nessuno, ci resti male.

4 commenti:

  1. Io ho una memoria così corta che chiudo la porta, esco di casa, e dopo due minuti devo tornare indietro perchè non mi ricordo se l'ho chiusa.

    RispondiElimina
  2. Ci sono persone che sono ripetitive perché abituate a non essere ascoltate. Altre che raccontano sempre la stessa storia a tutti perché hanno poco "repertorio".
    Questo per dire che forse a volte sono loro a sentirsi anonime.

    RispondiElimina